Tour Giordania e Israele, un mosaico di civiltà

Viaggio combinato tra Israele e Giordania per una visita completa delle meraviglie dei due paesi tra cui spiccano Gerusalemme e il sito di Petra.

Descrizione

Cataloghi: , Linea di Viaggio:

Durata: 12 giorni / 11 notti
Codice: JOTC1213
Partenze individuali: tutti i giorni, minimo 2 persone.
Partenze di gruppo: non effettuate, tuttavia possiamo fornire il viaggio a gruppi precostituiti.
Stagionalità: il viaggio è effettuabile tutto l’anno. Le stagioni di primavera e autunno sono le più indicate in quanto presentano un clima più mite.

Contatti
+39 011 0519575
info@nbts.it
dal lunedì al venerdì
09.00-13.00 e 14.00-18.00

Le principali attrazioni del viaggio:
- Sistemazione in hotel confortevoli, con esperienza in campo tendato e in kibbutz
- Una passeggiata nella via colonnata di Jerash per arrivare al foro
- La vista della Terra Santa dal Monte Nebo
- Visita di Petra di giorno e di notte
- Esplorazione di sei ore del deserto del Wadi Rum
- La visita del villaggio e della valle di Dana
- La maestosa fortezza Masada, e il paesaggio che la circonda
- La città vecchia di Gerusalemme con gente di tutte le religioni
- Una cena in famiglia locale a Betlemme
- Il castello crociato di San Giovanni d’Acri
- Una passeggiata nel lungomare di Tel Aviv
- Sui luoghi del Cristianesimo, Betania Tiberiade e la Via Dolorosa

 

Viaggio combinato tra gli stati di Giordania e Israele, con visita alle località più suggestive dei due paesi, che porterà alla scoperta delle tradizioni e dei segreti dell’affascinante Petra, la città nascosta dei Nabatei e della leggendaria città di Gerusalemme. L’itinerario inizia dalla visita della capitale Amman, la porta d’ingresso della Giordania un paese che ha saputo conservare le proprie tradizioni. Si parte poi in direzione sud, lungo la Strada dei Re, per scoprire Madaba e il Monte Nebo, luoghi legati alla religione ma anche ai suoi rinomati mosaici. Si arriva poi a Petra, la leggendaria città che ebbe il suo massimo splendore durante il Regno dei Nabatei, dimenticata dal tempo per poi essere riscoperta dall’esploratore Johann Ludwig Burckhardt nel 1812. Lawrence d'Arabia diceva: "Petra è il più bel luogo della terra... non per le rovine, ma per i colori delle sue rocce tutte rosse nere con strisce verdi e azzurre. Non saprai mai cos'è Petra in realtà, a meno che tu non ci venga di persona". Lasciato il sito di Petra si viaggia attraverso gli splendidi scenari del deserto del Wadi Rum, luogo magico in passato meta del passaggio di carovane di mercanti provenienti dall’Arabia. Gli scenari cambiano poi toccando il paesaggio del mar Morto, prima di raggiungere Gerusalemme, capitale spirituale per milioni di persone di fedi diverse, centro di grandissima importanza storica, culturale e religiosa, luogo d’incontro di grandi civiltà. Nella Città Vecchia si trovano a breve distanza l’uno dall’altro, alcuni fra i maggiori centri di spiritualità per Ebrei, Cristiani e Musulmani: il Muro del Pianto, ultima vestigia del Secondo Tempio distrutto dai Romani nel 70 d.C., la Chiesa del Santo Sepolcro nel luogo dove la tradizione vuole che sia stato crocefisso Gesù Cristo, la Cupola della Roccia, da cui, secondo i fedeli dell’Islam, Maometto sarebbe asceso direttamente al cielo per sedere accanto ad Allah. A Gerusalemme vedremo anche il Museo di Israele dove sono conservati e esposti al pubblico i Manoscritti del Mar Morto scoperti a Qumran e il Museo dell’Olocausto, costruito in memoria delle vittime del Nazismo durante la Seconda Guerra Mondiale. Poco distante sorge Betlemme con la Basilica della Natalità, costruita sulla grotta dove nacque Gesù. Il Nord di Israele con l’antica regione della Galilea e la città di Nazareth, simbolo della Cristianità, con la Chiesa dell’Annunciazione. Le testimonianze storiche dei crociati a San Giovanni d’Acri, dove si scopriranno la moschea di Al Jazzar, del caravanserraglio e delle antiche mura del castello crociato. Il viaggio prosegue verso sud in direzione di Haifa, centro mondiale della Fede Bahai conosciuta per i suoi rinomati giardini, dove è prevista una sosta sul Monte Carmelo da dove si potrà godere di una vista panoramica sulla città e sulla costa. Il viaggio termina a Tel Aviv, dove si trascorrerà una serata in questa città che non dorme mai. Questo viaggio in una terra ospitale è un condensato di emozioni che si susseguono giorno dopo giorno, alla scoperta di luoghi dove la storia ha tracciato il nostro futuro.

1° giorno: Italia – Volo – Amman
Partenza dall'Italia con volo di linea. Arrivo all'aeroporto Queen Alia di Amman e incontro con il personale locale, assistenza e trasferimento in hotel in auto/minibus privato. Sistemazione nelle camere, cena libera e pernottamento.
Pasti: -/-/-

2° giorno: Amman - Jerash – Ajloun - Amman city tour
Colazione in hotel. Al mattino trasferimento di circa 50 chilometri verso nord si raggiunge Jerash, località seconda soltanto a Petra tra le destinazioni preferite dai turisti in Giordania. Anticamente conosciuta con il nome di Gerasa, la città visse il suo periodo di massimo splendore sotto il dominio dei Romani per poi essere dimenticata a seguito di devastazione e terremoti. Venne riscoperta nel 1806 dall’esploratore tedesco Ulrich Jasper Seetzen, il quale riconobbe una piccola porzione di rovine della città allora sepolta dalla sabbia. Oggi Gerasa costituisce una splendida testimonianza della grandezza e delle caratteristiche dell'opera di urbanizzazione condotta dai Romani nelle province dell'impero in Medio Oriente: strade lastricate, colonnati, templi in cima ad alture, meravigliosi teatri, spaziose piazze pubbliche, bagni termali, fontane e mura interrotte da torri e porte cittadine. Sotto l'impronta greco-romana, Gerasa conserva inoltre una peculiare commistione di oriente e occidente. Architettura, religione e lingue riflettono un processo secolare in cui due potenti culture si sono sovrapposte, coesistendo: il mondo greco-romano del bacino mediterraneo e le antiche tradizioni dell'oriente arabo. Al termine della visita trasferimento ad Ajloun, dove ha sede il castello di Rabadh considerato uno dei maggiori esempi di architettura militare araba, che venne costruito nel 1184 dall'emiro Izz al-Dīn Usāma, nipote del grande Saladino, per proteggere le vie carovaniere ed i pellegrini dall’avanzata dei crociati. Nel pomeriggio rientro ad Amman per la visita della capitale. La capitale del Regno Haschemita di Giordania, è una città moderna costituita totalmente da case di pietra bianca che fin dall'antichità è stata incrocio di vie di mercanti e di numerosi domini. Ammoniti, Romani, Ottomani hanno lasciato le tracce del loro passaggio in una città, che come Roma sorgeva su sette colli, e dove si possono ancora visitare numerosi resti tra i quali la cittadella, l’anfiteatro romano e il Museo del Folklore. Da qui si raggiunge l’aera di Al Balad dove è possibile passeggiare per i mercati, magari fermarti in un bar locale per ammirare le scene di strada, guardare i vecchi a giocare a backgammon e provare caffè arabo e pasticcini. Questa è anche una buona occasione per fumare il tabacco profumato della shisha. Cena libera e pernottamento in hotel.
Pasti: C/-/-

3° giorno: Amman – Monte Nebo - Madaba – Umm Ar Rasas – Petra by Night
Dopo la colazione partenza per il Monte Nebo, da dove si può osservare la valle del Giordano e il Mar Morto. Fin da epoca pre-cristiana questo luogo è oggetto di culto poiché si dice che il profeta Mosè dall’alto di questo monte mostrò la terra promessa al popolo di Israele durante l’esodo dalla terra di Egitto. Nei pressi del Monte Nebo si trova Madaba, dove all’interno della chiesa ortodossa di San Giorgio possiamo osservare un mosaico che in cui è illustrata la Palestina del VI secolo, tra le numerose località illustrate spicca la pianta dell’antica Gerusalemme. Nel pomeriggio proseguimento per raggiungere Umm ar-Rasas, sito dichiarato nel 2004 patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. Della città, cinta da mura che formano un perimetro rettangolare, non rimangono che le rovine, ma sono ancora presenti diversi edifici, nonché quattro chiese e alcuni meravigliosi archi in pietra. La principale attrazione si trova all'esterno delle mura, all'interno della Chiesa di Santo Stefano, dove è custodito un enorme mosaico pavimentale perfettamente conservatosi dal 718 d.C. Il mosaico raffigura quindici grandi città della Terra Santa, su entrambe le sponde del Giordano. Questa magnifica opera è seconda soltanto alla famosa mappa-mosaico di Madaba, raffigurante Gerusalemme e la Terra Santa. Arrivo in serata a Wadi Musa, la città moderna che sorge nei pressi del sito archeologico. Sistemazione nelle camere e cena. In serata verso le ore 20.30 visita di Petra di notte (Petra by night). Non esistono parole per descrivere le sensazioni che si provano facendo l’escursione notturna di Petra. Se arrivare di giorno in vista del Tesoro, attraverso il Siq (il canyon che porta all’ingresso della città rosa) è un’esperienza indimenticabile, beh cercate di immaginare quali sensazioni possa trasmettere lo stesso percorso fatto al lume di centinaia e centinaia di candele ai lati del sentiero e poi davanti al Tesoro stesso. E’ senza dubbio un’esperienza che accresce in maniera esponenziale le già forti emozioni provate durante il giorno. La luna ed il cielo stellato, incredibilmente vicini a queste latitudini, portano un contributo non indifferente a questa esperienza, creando un gioco di luci ed ombre fra il chiaro-scuro delle montagne e la luce del cielo. Vedere poi il Tesoro apparire davanti a te, illuminato solo dalle candele lascia in uno stato di estasi silenziosa che ti fa capire fino in fondo perchè questa sia considerata una delle 7 meraviglie del mondo. Dopo la visita rientro in hotel e pernottamento.
Pasti: C/-/C

4° giorno: Petra, visita del sito archeologico - Petra Kitchen
Giornata dedicata alla scoperta dell'affascinante città di Petra, meta principale del viaggio, eletta una delle nuove 7 meraviglie e dichiarata dall'UNESCO patrimonio dell'umanità. La sua riscoperta si deve al viaggiatore anglo-svizzero Johann Ludwig Burckhardt, che nel 1812 recandosi da Damasco al Cairo, sentì parlare di un'antica città stretta fra montagne impenetrabili e decise di andarla a cercare. Ma la sua notorietà venne rilanciata da Thomas Edward Lawrence meglio noto come il condottiero della rivoluzione araba Lawrence d'Arabia, il quale nei suoi libri scrisse… "Petra è il più bel luogo della terra. Non per le sue rovine […], ma per i colori delle sue rocce, tutte rosse e nere con strisce verdi e azzurre, quasi dei piccoli corrugamenti, […] e per le forme delle sue pietre e guglie, e per la sua fantastica gola, in cui scorre l'acqua sorgiva e che […] è larga appena quanto basta per far passare un cammello […]. Ne ho letto una serie infinita di descrizioni, ma queste non riescono assolutamente a darne un'idea […] e sono sicuro che nemmeno io sono capace di farlo. Quindi tu non saprai mai che cosa sia Petra in realtà, a meno che non ci venga di persona". Queste parole rimarcano l'effetto sconvolgente che il "capolavoro totale" di Petra esercita sul visitatore; la particolarità dell'antica città dei Nabatei e la sua bellezza incontrastata rendono ardua per chiunque una descrizione verosimile del luogo che, a partire dall'ingresso, offre al visitatore un emozionante viaggio senza tempo. Petra è accessibile tramite il Siq, una gola di circa 1,2 km di lunghezza e larga alcuni metri, dove si potrà iniziare ad ammirare tutta l'abilità con la quale i Nabatei lavoravano questa particolare roccia a striature rosse e rosa. Dopo le prime tombe, canali per raccogliere l’acqua, santuari e statue, ecco apparire all’improvviso il famoso e misterioso El Khasneh (il Tesoro I secolo a.C), che si svela scolpito sulla parete verticale all’ingresso della città, con i suoi 28 metri di larghezza e 40 di altezza. Da qui il percorso si allarga e prende forma la Strada delle Facciate, dove sui due lati si trovano più di quaranta tombe e case costruite con uno stile che ricorda l'architettura assira. Sulla sinistra si trova poi il Teatro, costruito dai nabatei e dopo la conquista romana del 106, ampliato ad una capienza di 8.000 spettatori. Si apre poi un’ampia vallata con la Strada Colonnata che ospitava il centro vitale dell’antica città con il Mercato, il Palazzo Reale ed una serie di alte colonne appartenenti ad un Tempio Corinzio, il Tempio dei Leoni Alati, il Tribunale, le Tombe Reali ed infine, dopo aver attraversato la porta di Traiano si arriva nell’area sottostante dove sorge il Qasr al-Bint Firaun, che secondo una leggenda beduina apparteneva alla figlia del faraone. Visita alle Tombe Reali e successivamente arrivo nell'area del ristorante, sosta con possibile pranzo. Nel pomeriggio proseguimento per raggiungere il Monastero (El Deir), situato al di là delle montagne e raggiungibile attraverso una scalinata di circa 1000 gradini. E’ costruito con uno stile architettonico simile al famoso "Tesoro", ma vanta dimensioni più grandi, la porta principale è di 8 metri d'altezza mentre la facciata ha una larghezza di 50 metri per un'altezza di 45 metri. Venne costruito dai Nabatei tra il II ed il I secolo a.C. come tomba del re Obodas I, ma in seguito durante il periodo bizantino fu utilizzato come monastero, al suo interno infatti sono state ritrovate diverse croci scolpite. Al termine della visita rientro in hotel. In serata è prevista la cena al ristorante Petra Kitchen. Petra Kitchen arricchisce le esperienze dei visitatori di Petra proponendo cene e corsi serali di cucina, per condividere l'autentica cucina locale in un'atmosfera familiare. Gli ospiti lavoreranno a fianco degli chef locali utilizzando ingredienti freschi per preparare piatti della cucina locale. Sarà presentata la storia e cultura del paese attraverso ricette e sapori, che poi una volta tornati a casa si potranno replicare con amici e familiari per condividere i gusti della Giordania. Il corso di cucina prevede prima l'approvvigionamento di cibo nei mercati locali, poi la preparazione con lo chef per imparare come vengono assemblati i piatti, dalla terra alla tavola. Petra Kitchen è il luogo perfetto per rilassarsi dopo un'intensa giornata di visite, e per seguire le tradizioni giordane si può trovare una terrazza dove si può provare la sheesha. Pernottamento in hotel.
Pasti: C/-/C

5° giorno: Petra - Piccola Petra - Wadi Rum, tramonto nel deserto
Colazione in hotel. Al termine della visita si giunge a Beida, più famosa con il nome di Piccola Petra. In passato quest'area fu meta obbligata per il passaggio delle carovane provenienti dalle coste dell'Hadramauth, regione situata del sud della penisola Arabica nell'attuale Repubblica dello Yemen, che arrivavano a Petra dopo un viaggio di 2 mesi di circa 2000 chilometri molti dei quali di deserto. Questa rotta commerciale diede il via allo sviluppo economico dei Nabatei, del loro Regno e della città di Petra. Grazie agli studi degli archeologi si pensa che al tempo dei Nabatei, il sito di Piccola Petra fosse un importante caravanserraglio dove mercanti, animali e carovane sostavano e trovavano alloggio durante la loro permanenza a Petra. A Piccola Petra detta anche Beida o Siq al-Barid, si accede entrando in un piccolo siq largo circa 2 metri, superato il quale si apre una piazza dove si possono ammirare numerose opere architettoniche scavate nella roccia delle pareti che formano la valle. In questo sito ci si può stupire della maestria con quale i Nabatei scolpivano la roccia. Proseguimento per raggiungere il magico mondo del deserto del Wadi Rum, antico luogo di passaggio delle carovane cariche di merce preziosa, che dalla penisola arabica si spostavano verso nord per raggiungere i porti del Mediterraneo. La bellezza di questo deserto unico è caratterizzata da montagne segnate dal tempo, da letti di antichi laghi oramai prosciugati e da altissime dune di color rosso intenso. Numerose sono le incisioni e le pitture rupestri che si trovano scolpite nelle rocce nel Wadi Rum, chiamato anche Valle della Luna, ed è in questi luoghi che il ricercatore italiano professor Edoardo Borzatti ha ritrovato tracce del primo alfabeto mai comparso sulla Terra risalenti a circa 4.800 avanti Cristo, dunque almeno mille anni più vecchi del tamudico primitivo scoperto nelle zone comprese tra la penisola Araba e il Sahara. Sistemazione in un campo tendato fisso. Escursione della durata di 6 ore nel deserto del Wadi Rum. Durante l’esplorazione del Wadi Rum, con un percorso a bordo di veicoli dei beduini locali, si potranno ammirare la Montagna dei Sette Pilastri della Saggezza, la sorgente di Lawrence d’Arabia e il Canyon di Khazali, dove sulle pareti verticali si possono osservare numerosi graffiti rupestri che rappresentano antiche scene di vita quotidiana testimoni dell’importanza di questo luogo. Si prosegue verso le dune di sabbia rossa, dove sarà possibile effettuare una divertente scalata sulla sabbia, e poi con una sosta presso dei beduini locali, qui si potranno vedere gli accampamenti costituiti da tende nere in lana di capra mentre vi verrà offerto il tradizionale the nel deserto, ancora oggi considerato simbolo di tradizione e ospitalità per i giordani. Al termine trasferimento tra i magici panorami del Wadi Rum per raggiungere la casa di Lawrence d’Arabia cosi chiamata in quanto si suppone sia stata utilizzata da Thomas Edward Lawrence durante la Rivolta Araba di inizio Novecento. Nei pressi si trova una delle più famose immagini di questo luogo: l’arco di pietra Um Frouth Rock Bridge. Al termine della visita rientro al campo. Cena e pernottamento al campo. Se si sarà fortunati si potrà passare la serata sotto un cielo dipinto di stelle.
Pasti: C/-/C

6° giorno: Wadi Rum - Riserva di Dana – Betania - Mar Morto
Dopo la colazione. Al termine incontro con il nostro autista e partenza con gli automezzi verso nord per raggiungere la riserva di Dana. Visita del villaggio di Dana con le caratteristiche case in pietra con soffitti a volta che sono state restaurate dal Governo, dopo un periodo in avanzato stato d’abbandono, nel rispetto dell’architettura tradizionale. Qui per aiutare gli abitanti sono stati concessi sgravi fiscali in modo da agevolare gli abitanti a riscoprire le tradizioni artigianali ed agricole di questa valle. Pranzo alla Guesthouse di Dana, da dove si gode di un fantastico panorama sulla valle della Riserva della Biosfera di Dana. La caratteristica che rende interessante la Riserva è che il degradare dalle montagne fino al Wadi Araba, situato sotto il livello del mare premette di incontrare in poche ore di cammino tre diversi ecosistemi: quello temperato, il mediterraneo e infine il tropicale e conseguentemente variano sia la fauna che la flora. Al termine della visita proseguimento verso la depressione del Mar Morto. Arrivo al sito di Al-Maghtas, conosciuto come Betania oltre il Giordano, luogo legato a San Giovanni Battista e dove fu battezzato Gesù, come riportato dalla Bibbia (Giovanni 1:28 e 10:40) e dai medievali. Al termine proseguimento per raggiungere l’area del Mar Morto dove sorgono gli hotel. Il Mar Morto è un lago alimentato dal fiume Giordano, è un bacino unico al mondo lungo 75 chilometri e largo 15, situato a 400 metri sotto il livello del mare che rappresenta anche il punto più basso della superficie terrestre. Le sostanze minerali di cui è ricco non permettono che si sviluppi vita nelle sue acque, ma le stesse acque migliorano la vita grazie alle loro preziose proprietà curative dovute alla radiazione solare perfettamente filtrata, alle condizioni climatiche, all'atmosfera arricchita da ossigeno, alle sorgenti e ai trattamenti a base di sali e fanghi. Cena e pernottamento in hotel.
Pasti: C/P/C

7° giorno: Mar Morto – Masada – Gerico – Betlemme – Cena in Famiglia - Gerusalemme
Dopo la prima colazione trasferimento presso la frontiera di Allenby che segna il confine tra Giordania e Israele. Dopo il passaggio della frontiera e il disbrigo delle formalità doganali, continuazione del viaggio in Terrasanta per effettuare la visita della fortezza di Masada, fatta costruire da Erode il Grande nel I secolo a.C. e divenuta famosa per l’assedio dei Romani del 74 d.C. contro la comunità ebraica dei Sicarii. La leggenda vuole che i Romani, guidati da Lucio Flavio Silva, dopo un lungo assedio costruirono una imponente rampa di accesso, ancora oggi visibile, che consentiva alle torri di assedio di arrivare sotto le mura per sgretolarle con gli arieti. Tuttavia, la notte prima della presa, gli assediati misero in atto un'azione rimasta unica nella storia; quando i soldati romani entrarono nella fortezza davanti ai loro occhi trovarono un’enorme ecatombe, il suicidio collettivo della comunità ebraica dei Sicarii (Zeloti) che aveva resistito al potere di Roma anche dopo la caduta di Gerusalemme e la distruzione del Secondo Tempio. Dal parcheggio sottostante si sale con la funivia per un breve tratto fino ad arrivare alla cima della rocca per visitare le rovine. Si potrà inoltre ammirare un suggestivo panorama del deserto sottostante e sul Mar Morto. Successivamente visita di Gerico, cittadina che conta su circa 18.000 abitanti, e che si trova in prossimità del fiume Giordano, situata a -240 m s.l.m. nella depressione del Mar Morto, è considerata la città con la più bassa altitudine del pianeta. Almeno tre distinti insediamenti sono esistiti in prossimità della collocazione attuale per più di 11.000 anni. Si tratta infatti di una posizione favorevole, sia per la disponibilità di acqua, sia per la sua collocazione sulla via est-ovest che passa a nord del Mar Morto. È il più basso sito permanentemente abitato della Terra e datazioni compiute dagli studiosi sulle rovine trovate fanno ipotizzare che Gerico sia, insieme a Damasco, la città più antica del mondo. Non è chiaro quando sia stata fondata, ma alcune scoperte farebbero risalire la nascita della città ad 8.000 anni prima della nascita di Cristo. Visita al Monastero della Tentazione, un monastero cristiano ortodosso situato sulle pendici del Monte delle Tentazioni lungo una parete rocciosa che domina la città di Jericho e Valle del Giordano. Al termine della visita proseguimento per raggiungere la città santa di Gerusalemme. Trasferimento a Betlemme, situata a 8 km da Gerusalemme sulla strada carovaniera che porta verso l'Egitto. Visita della Basilica della Natività, eretta nel luogo in cui, secondo la tradizione cristiana, sarebbe avvenuta la nascita di Gesù. La grotta, santificata dall'evento, fu venerata fin dai primi anni. Già nel 326 dall'augusta Elena, madre dell'imperatore Costantino I, fece costruire una basilica, unica costruzione che lungo i secoli fu risparmiata dalla distruzione. Ora, dopo vari restauri e ampliamenti la basilica è costituita dalla combinazione di due chiese e da una cripta, la Grotta della Natività, il luogo preciso in cui Gesù sarebbe nato. Nel giugno 2012 è stata inserita nella lista del patrimonio mondiale dell'umanità dell'UNESCO, su richiesta dello Stato di Palestina. Cena in famiglia locale a Betlemme. Al termine trasferimento in hotel e sistemazione nelle camere riservate. Pernottamento in hotel.
Pasti: C/-/C

8° giorno: Gerusalemme, la Città Vecchia
Dopo la prima colazione, inizio delle visite con la salita al Monte degli Ulivi dal quale si può godere di un paesaggio che si estende a perdita d’occhio ed offre un panorama fantastico su Gerusalemme. Proseguimento della visita con l'ingresso all'interno delle mura della Città Vecchia, il vero cuore della città dove convivono le tre religioni monoteiste. Visita al Muro occidentale, detto anche Muro del Pianto, luogo di preghiera e di pellegrinaggio diventato dopo il 1967 una specie di sinagoga a cielo aperto. Si continua con il bazar per poi prendere la Via Dolorosa ed arrivare al Santo Sepolcro, il luogo più santo della Cristianità, con le sue diverse cappelle. Lungo il cammino si potranno visitare le numerose cappelle e chiese della città vecchia. Al termine della visita, tempo libero a disposizione. Rientro in hotel, cena libera e pernottamento.
Pasti: C/-/-

9° giorno: Gerusalemme (Yad Vashem e Machane Yehuda Market) – Beit Shean – Kibbutz Lavi
Colazione in hotel. Al mattino è prevista la visita al Museo dell’Olocausto, costruito in memoria delle vittime del Nazismo durante la Seconda Guerra Mondiale. Visita del Machane Yehuda Market (Israeli Shook), per godere dei colori, dei profumi e dell’atmosfera unica di questo mercato, dove si possono assaggiare i prodotti locali passeggiando per i suoi vicoli. Continuazione con la visita del Museo di Israele dove sono conservati e esposti al pubblico i Manoscritti del Mar Morto scoperti a Qumran e il plastico della città vecchia di Gerusalemme ai tempi del Tempio. Al termine partenza verso nord per raggiungere Beith Shean, dove si potrà visitare uno dei più importanti siti archeologici del Medio Oriente. Sorta sui resti di un centro amministrativo egiziano risalente XV a.C., la città nel 64 a.C. fu occupata dai Romani, ricostruita e resa capitale della Decapoli, le dieci città della Samaria centri della cultura greco-romana. Al termine della visita trasferimento in un kibbutz dove passeremo la notte. Cena e pernottamento.
Pasti: C/-/C

10° giorno: Kibbutz Lavi - Mar di Galilea (Tabga, Monte delle Beatitudini, Cafarnao) - Nazareth - San Giovanni d’Acri - Haifa - Tel Aviv
Dopo la prima colazione, incontro con la guida e partenza per Tabga, il luogo dove avvenne la miracolosa moltiplicazione dei pani e dei pesci. Al termine trasferimento al Monte delle Beatitudini, dove Gesù tenne il Sermone del Monte. Proseguimento verso Cafarnao per la visita dell’antica sinagoga dove Gesù iniziò la sua missione. Proseguimento verso la città di Nazareth, simbolo della Cristianità dove è prevista una sosta presso la Chiesa dell’Annunciazione. Visita del Monte del Precipizio, dove Luca raccontò l’episodio di Gesù allontanato dalla Sinagoga in seguito ai suoi insegnamenti. Continuazione in direzione di Akko, meglio conosciuta come San Giovanni d’Acri, dove è prevista la visita della città antica, della moschea di Al Jazzar, del caravanserraglio e delle antiche mura del castello crociato. Il viaggio prosegue verso sud in direzione di Haifa, centro mondiale della Fede Bahai conosciuta per i suoi rinomati giardini, dove è prevista una sosta sul Monte Carmelo da dove si potrà godere di una vista panoramica sulla città e sulla costa. Continuazione per raggiungere Tel Aviv. Sistemazione nelle camere riservate. Cena libera e pernottamento.
Pasti: C/-/-

11° giorno: Tel Aviv – Jaffa
Dopo la prima colazione, incontro con la guida e partenza per la visita della città di Tel Aviv (che in ebraico significa Collina della primavera), una città moderna e vivace che fa da contrasto alla religiosa Gerusalemme. Un detto popolare israeliano recita: “Gerusalemme prega e Tel Aviv si diverte”. Fondata nel 1909 da un gruppo di residenti della vicina Jaffa, Tel Aviv è la città più grande e popolosa dello stato, ma anche il principale centro economico e finanziario di Israele. Perdersi tra i vicoli costeggiati di case bianche in stile Bauhaus è un’esperienza che vale la pena fare almeno una volta nella vita e permette di capire perché la luminosità degli edifici le ha fatto guadagnare l’appellativo di Città Bianca. Nel 2004 l’UNESCO ha iscritto la città di Tel Aviv patrimonio dell’umanità, un titolo dedicato all’architettura del XX secolo. Successivamente visita di Jaffa. Il quartiere di Jaffa, citato anche nel Vecchio Testamento, ha una storia di circa 5.000 anni e nell’antichità era uno dei porti più importanti del Mediterraneo. Oggi il quartiere della Città Vecchia di Jaffa è completamente integrato nel tessuto urbano di Tel Aviv, pur mantenendo il fascino e il riflesso di una storia antica. Rientro in hotel e sistemazione nelle camere riservate. Cena libera e pernottamento.
Pasti: C/-/-

12° giorno: Tel Aviv - Volo – Italia
Dopo la prima colazione trasferimento all'aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv in tempo utile per l’imbarco sul volo di rientro in Italia. Arrivo in Italia e fine dei nostri servizi.
Pasti: C/-/-

Prezzi 2020

quota per 2 partecipantiquota per 4 partecipantiquota per 6 partecipanti
€ 4.925€ 3.650€ 3.210

I prezzi indicati si intendono per persona
Tariffe valide fino al 31 dicembre 2020
Cambio Euro/Dollaro: 1,10

  • Cambio: una variazione del +/- 3% del tasso di cambio potrebbe portare ad un ritocco delle quote.
  • Si applicano le condizioni del contratto di viaggio che si trovano sul sito www.nbts.it.
  • I prezzi di tasse e imposte non dipendono dalla nostra volontà e possono cambiare senza preavviso.

- Volo di linea Royal Jordanian/Alitalia/Turkish Airlines in classe economica, tasse aeroportuali escluse
- Visto d’ingresso Giordania e assistenza per l’ottenimento in frontiera
- Visto d’ingresso Israele (gratuito)
- Assistenza in aeroporto da personale qualificato parlante inglese (arrivo/partenza)
- Trasferimenti aeroporto/hotel/aeroporto
- Trasferimenti in auto/minibus privato con A/C
- Sistemazione negli hotel indicati in camera doppia
- Trattamento pasti come indicato nel programma
- 1 pranzo presso la guesthouse di Dana
- 1 cena in famiglia locale presso Betlemme
- Visita di Petra by Night
- Petra Kitchen a Petra
- Guida parlante italiano durante il tour in Giordania
- Guida parlante italiano durante il tour in Israele
- Ingressi ai siti e musei come da programma
- Entrata a cavallo fino al Siq a Petra
- Escursione in fuoristrada nel Wadi Rum (circa 6 ore) con autista locale

- Tasse aeroportuali, circa 290 euro (quota da confermare in fase di prenotazione)
- Tasse di uscita Giordania 15 USD (da pagare in loco)
- Navetta tra Giordania e Israele alla frontiera di Allenby, 15 USD a persona (da pagare in loco)
- Bevande
- Mance
- Extra personali
- Quota gestione pratica (include assicurazione medico bagaglio annullamento)
- Quanto non indicato alla voce “la quota include”

- Eventuale supplemento dovuto alla reale disponibilità del volo di linea, da comunicare
- Camera singola, 985 euro
- Eventuale supplemento festività in Israele, da comunicare

Hotel di Categoria Standard 4/5 stelle

CategoriaHotel previsti o similariLocalitàNotti
4 stelleHotel Grand PalaceAmman2
4 stelleHotel Petra MoonPetra2
-Sun City CampWadi Rum1
5 stelleHotel Holiday InnMar Morto1
4 stelleHotel AmbassadorGerusalemme2
4 stelleKibbutz LaviTiberiade1
4 stelleHotel Gran BeachTel Aviv2

 

La categoria degli hotel indicata è basata sulle direttive dei vari ministeri del turismo. La classificazione si basa su norme e regolamentazioni diverse da paese a paese e differenti da quelle utilizzate in Italia.

Partecipando ai viaggi di NBTS, siete protetti dall'assicurazione AXA Turismo e/o Intermundial, che garantisce copertura delle spese d'annullamento del viaggio, assistenza medica d'emergenza, aiuti nel caso di perdita, furto o danneggiamento di bagagli, ecc. Per tutti i dettagli Vi preghiamo di leggere attentamente le clausole nell'opuscolo che vi verrà consegnato con i documenti di viaggio. Vi ricordiamo che in caso di sinistri è necessario rivolgersi direttamente alla compagnia assicurativa telefonando al numero indicato nella polizza.La quota dell'assicurazione di viaggio è inclusa nella voce "Quota gestione pratica" che include anche la spedizione dei documenti tramite corriere al vostro indirizzo.

La quota include:
- Assicurazione AXA Turismo**, spese mediche fino a € 10.000, bagaglio fino a € 500, polizza annullamento
- Assicurazione INTERMUNDIAL**, spese mediche fino a € 1.000.000, bagaglio fino a € 500, polizza annullamento
- Spedizione documenti con corriere TNT Traco in territorio italiano*
- Cartellina con il programma di viaggio stampato su carta riciclata e altri accessori di viaggio

* Per spedizioni all'estero sarà richiesto un supplemento da comunicare in base al paese di recapito.

** Tutti i dettagli della polizza vi saranno inviati via mail su vostra richiesta o con la spedizione dei documenti.

NBTS Viaggi
+39 011 0519575
info@nbts.it
dal lunedì al venerdì
09.00-13.00 e 14.00-18.00
Contatti
+39 011 0519575
info@nbts.it
dal lunedì al venerdì
09.00-13.00 e 14.00-18.00
NBTS Viaggi
4.7
Based on 32 reviews
powered by Google

    5 star review  Un tour itinerante nel centro-sud del MADAGASCAR. Ben organizzato che ci ha permesso di scoprire la natura incontaminata dell'isola ma soprattutto l'accoglienza e il calore della popolazione nei nostri confronti. Non dimenticando che tutto cio' è stato possibile anche grazie alla guida e all'autista, locali, che con professionalita' e massima disponibilita' sono riusciti a coinvolgerci raccontandoci storia e fatti della loro cultura. Al termine del tour abbiamo sostato per alcuni giorni nella penisola di ANAKAO godendo un meritato riposo sulle spiagge dell'oceano indiano. La barriera corallina e l'avvistare delle balene hanno completato questa nostra emozionante esperienza.

    thumb maria paola marchisio
    8/26/2017

    5 star review  Journey with friends Morenita and Stella in Madagascar. Magical landscape, and at the end of the trip a few relaxing days on the beautiful beaches of Anakao, a friendly and helpful population. Perfect organization, prepared, discreet and friendly guide - thanks Cyprien - NBTS never denies! Bravi! Until next time!

    thumb Luisa Bargigia
    9/22/2019

    5 star review  Vietnam e Cambogia Overland, febbraio 2019 Complimenti a NBTS per l'eccellente organizzazione e per la scelta dei referenti locali che hanno supplito all'italiano imperfetto con una grandissima professionalità, diponibilità e attenzione nei nostri riguardi

    thumb Daniela Morzilli
    3/02/2019