Mar Morto Israele

Tornate alla vita con un viaggio soggiorno nel Mar Morto di Israele

Mar Morto Israele. Non lasciatevi trarre in inganno dal nome, perché la regione del Mar Morto è veramente piena di vita: nelle acque ricche di minerali del suo mare, a 400 metri sotto il livello del mare, nelle sorgenti termali ricche di minerali e di proprietà curative, nel famoso fango nero dalle doti terapeutiche, nei raggi del sole, nella stessa aria che respirate.

E oltre ai benefici per la vostra salute, la regione vi offre avventura, escursioni, turismo e relax all'insegna del lusso. Per una volta, viziatevi e prendetevi cura di voi stessi. Potete godervi i doni della natura e i tesori del passato tutto l'anno, in un clima di eterna primavera e estate: le giornate di sole in un anno sono oltre 330. Qualsiasi viaggio in Israele che sia degno di tale nome dorrebbe sempre prevedere una sosta o un soggiorno nella regione del Mar Morto: per il massimo dello svago nel punto più basso della Terra!

Mar Morto, bellezza e natura

Anche non considerando l'aspetto terapeutico, escludendo il concetto di terapia, avrete comunque la più incredibile varietà di piacevoli trattamenti di bellezza che si possano immaginare. Potrete prendere il sole senza paura di scottarvi rilassarvi nelle acque ricche di minerali del mare e delle sorgenti, oppure godervi le maschere e i fanghi che lasciano la vostra pelle più morbida e vellutata che mai.

I prodotti di bellezza della regione sono noti sin dai tempi di Cleopatra: gli archeologi hanno infatti riportato alla luce nella zona quella che era un'antica fabbrica di cosmetici, destinati anche alla sovrana egizia.

Lungo tutta la costa del Mar Morto, dalle foci del Giordano situate alla sua estremità settentrionale, a Sodoma in quella meridionale, le terme si susseguono una dopo l'altra, da quella più economica a quella più lussuosa. Persino se fate una gita di un giorno avrete sempre tempo a sufficienza per un bagno nel Mar Morto e per spalmarvi addosso un po’ di quel fantastico fango nero.

Oggi i prodotti cosmetici e dermatologici della regione tornano nuovamente ad essere esportati all'estero, come ad esempio la linea di prodotti per la pelle AHAVA. Sono infatti molte le aziende che hanno messo a punto una vasta gamma di prodotti a base di minerali, provenienti dalle acque e di elementi ricavati dalla vegetazione del deserto, che vanno dai sali da bagno, ai fanghi per maschere, ai saponi, le creme e le lozioni. Ma visitare la regione di persona significa attingere direttamente alla fonte.

Mar Morto, SPA salute e Beauty Farm

Oggi si sta riscoprendo quello che gli antichi sapevano già da lungo tempo: che la regione del Mar Morto, sia per la stessa aria che per le acque ricche di minerali del mare e le sorgenti che lo alimentano è fonte dispensatrice di salute e bellezza.

A differenza di tanti trattamenti terapeutici, le tecniche applicate nel Mar Morto sono più improntate allo svago e al relax. I maggiori beneficiari degli aspetti curativi sono le persone affette da problemi dermatologici, come psoriasi o patologie analoghe e coloro che soffrono di dolori articolari, dovuti ad infortuni nello sport, artrite e reumatismi. Esistono hotel e centri medici come Lot Hotel dove soggiornare per una cura personale.

Per comprendere meglio questi benefici, occorre fornire qualche informazione di base. Il Mar Morto, conosciuto anche come Mare del Sale, è così chiamato perchè nelle sue acque, a causa di una concentrazione di sali e minerali pari al 30% non può vivere praticamente alcun organismo vivente. Ecco spiegata quindi l'eccezionale spinta idrostatica dell'acqua, che impedisce di nuotare ma permette di stare a galla senza alcuno sforzo anche a coloro che non sanno nuotare.

Alcuni dei minerali vengono trasportati dalle sorgenti che provengono dalle profondità della terra e le cui acque mantengono il proprio calore anche quando salgono in superficie per gettarsi nel Mar Morto, come le Sorgenti di Mazor a Ein Gedi e quelle di Zohar a Sodoma. Il Mar Morto è alimentato anche dal fiume Giordano e da sorgenti di acqua dolce nelle sue vicinanze o provenienti da bacini idrici. Nel loro cammino le acque trasportano con se fanghi ricchi di minerali che si depositano in alcune zone lungo la coste, fanghi peloidi altamente terapeutici se applicati su pelle e giunture.

Inoltre il sole durante tutto l'anno e l'ambiente desertico contribuiscono alla rapida evaporazione dell'acqua, creando così un'elevata concentrazione di ossigeno e bromo nella stessa aria che si respira. L'effetto è rilassante e grazie ad un ambiente privo di pollini, benefico, per certe forme di allergia. Le malattie dermatologiche vengono trattate innanzitutto mediante un'esposizione programmata al sole.

La maggiore distanza percorsa dai raggi del sole - ricordiamo che la zona è 416 metri sotto il livello del mare - e l'ulteriore strato di vapore prodotto dall'evaporazione, aiutano a filtrarli e riducono la percentuale di raggi ultravioletti dannosi. Ciò consente tempi più lunghi di esposizione ai benefici raggi del sole. Dopo soli dieci giorni, sotto la supervisione medica del centro di trattamento climatologico della regione, l'epidermide di quasi tutti i pazienti appare pulita e purificata e rimane tale anche per parecchio tempo dopo il rientro a casa.

Coloro che invece soffrono di problemi articolari cominciano a provare sollievo dai sintomi che li affliggono per il solo fatto di trovarsi in un ambiente secco e privo di ogni traccia di umidità. Il beneficio è anche maggiore se si galleggia nello stesso Mar Morto, dato che l'assenza di peso alleggerisce la pressione sulle articolazioni. Ulteriore vantaggio deriva spesso dall'applicazione di fanghi peloidi e dall'immersione nelle piscine di acque minerali alimentate dalle sorgenti sulfuree naturali.

Mar Morto, cose da vedere

Dal momento che la regione è situata ad una certa distanza dai centri urbani, i suoi alberghi devono essere in grado di soddisfare tutte le esigenze dei loro ospiti. E lo fanno con stile, occupandosi di ogni aspetto, da sistemazioni comode e piacevoli ad una cucina molto varia e ai ricchissimi programmi di intrattenimento. Le possibilità di sistemazione vanno dal bungalow privato all'albergo economico e a quello di lusso. In considerazione del clima desertico, persino la struttura più modesta è munita di aria condizionata.

Ci sono poi le escursioni e nella regione del Mar Morto non mancano certo le possibilità di scelta. Che sia per una gita di un giorno o per un soggiorno di relax, con visita ad altre parti di Israele, state pure certi che avrete il massimo dello svago nel punto più basso della terra.

Nei tempi antichi, chi era alla ricerca dì un'atmosfera spirituale poteva andare a piedi da Gerusalemme al Mar Morto in un giorno. Fu proprio dove il fiume Giordano si getta nel Mar Morto che Gesù ricevette il battesimo. Al giorno d'oggi, un comodo tragitto in auto o in pullman ci porta rapidamente in questi luoghi densi di significati storici e religiosi.

Escursioni dal Mar Morto Israele

Le gite nella regione, oltre agli itinerari culturali, offrono l'opportunità di partecipare ad escursioni avventurose ed assai stimolanti. Esperti rocciatori e guide organizzano gite nel deserto durante le quali è possibile praticare discese tra dirupi, rocce e caverne. Un'esperienza veramente particolare è il safari nel deserto a bordo di fuoristrada, comprendente la visita al Monte Sodoma, interamente di sale, e alle formazioni saline delle sue caverne. Chissà quale di quelle colonne di sale è quella in cui fu tramutata la moglie di Lot?

Ma non tutto è solo sabbia e sale. Quando Davide cercò riparo dall'ira di Re Saul, trovò rifugio a Ein Gedi, dove sorgenti di acqua dolce alimentano una lussureggiante oasi. Oggi quest'area comprende splendide riserve naturali, a Nahal David e Nahal Arugot, create per preservare questi luoghi spettacolari. Chi ama passeggiare può seguire i ruscelli e fare un tuffo sotto cascate nascoste, mentre i camminatori più seri vengono ancor più ricompensati dallo spettacolo di scoscesi dirupi, scavi archeologici, un magnifico panorama e dall'avvistamento casuale di uno stambecco, di un hyrax o di qualche altro animale biblico che corre libero.

Qumran

Fra essi c'è Qumran, dove gli Esseni, strettamente legati alla vita e all'epoca di Gesù, conducevano un'esistenza improntata alla religione, essi ci hanno lasciato in eredità il loro patrimonio noto come i Rotoli del Mar Morto rimasti sepolti in queste grotte per 2.000 anni.

La scoperta casuale di queste grotte, definita la più importante scoperta archeologica del XX secolo, è da attribuire ad un giovane pastore beduino di nome Muhammad ed-Dib, nell'aprile del 1947.

Qui sono stati riportali alla luce i resti dei loro edifici e rese accessibili alcune delle caverne naturali situate sulle colline che per arrivare ad altre bisognerebbe essere delle capre di montagna.

Fortezza di Masada

Proprio lungo la strada si ergono il magnifico palazzo e la fortezza di Masada, costruiti da Erode come potenziale rifugio in cima ad un altopiano. Egli non li occupò mai, ma gli ebrei Zeloti resistettero qui all'assedio dei conquistatori romani, riuscendo a tenerli a bada per anni. Questo è il sito archeologico d'Israele in cui sono stati effettuati gli scavi archeologici più estesi, molto affascinate da diversi punti di vista.

I Romani avrebbero sicuramente apprezzato la teleferica che oggi porta in un attimo i visitatori fino alla cima. Ma i visitatori più intrepidi possono ancora decidere di arrampicarsi lungo il sentiero del Serpente sul versante della montagna, programmando l'escursione in modo tale da godersi l'alba sul Mar Morto. Mentre dal lato occidentale, è possibile salire per la rampa di terra creata dai Romani per il loro assalto finale alla fortezza di Masada.

Condividi!