Jerash e la decapoli Romana

Jerash. La Decapoli era il nome del territorio del Vicino Oriente ora compreso tra le attuali Giordania, Siria e Israele, composto da un gruppo di dieci città collocate presso la frontiera orientale dell'Impero romano.

Jerash e la decapoli Romana

Le città della Decapoli ad eccetto di Damasco, furono fondate durante il periodo ellenistico tra il 323 a.C. e il 63 a.C. quando i romani conquistarono la Siria e la Giudea. La Decapoli era strutturata come una città stato, ciascuna con un circondario amministrativo e facoltà di emettere moneta propria.

 

Le dieci città

Gerasa (Jerash)
Scythopolis (Beth Shean), l'unica città a ovest del fiume Giordano
Hippos
Gadara (Umm Qays)
Pella (ad est di Irbid)
Philadelphia, oggi Amman capitale della Giordania
Dion
Canatha (Qanawat)
Raphana
Damasco, capitale della Siria

Jerash (Gerasa)

La città di Jerash, seconda solo a Petra per importanza turistica, si distingue per la straordinaria continuità dell’occupazione umana. In questo luogo ricco d’acqua nelle colline di Gilead si trovano resti neolitici, greci, romani, bizantini, omayyadi e altri ancora. Ma l’età d’oro arrivò con il dominio romano. Oggi la città è riconosciuta come una delle capitali provincia romana meglio conservata del mondo.

Jerash era una città aperta fatta di edifici isolati, riccamente decorati con marmo e granito. Le tecniche costruttive erano così avanzate che buona parte della città si è conservata fino ad oggi. Da sottolineare le quattro imponenti porte, la Via delle colonne, il Cardo romano che si estende per 600 m a nord della Piazza Ovale.

Umm Qays (Gadara)

Umm Qays (Gadara) è la città dove avvenne il famoso miracolo dei maiali, Gadara era conosciuta come un importante centro culturale. Qui hanno vissuto molti poeti e filosofi classici, compreso Teodoro di Gadara, il fondatore della scuola retorica a Roma; un poeta definì la città come “una nuova Atene”. Appollaiata sulla splendida cima di una collina che si affaccia sulla valle del Giordano e sul Mare di Galilea, Umm Qays può vantare un suggestivo terrazzo colonnato e le rovine di due teatri. Potete visitare questi splendidi luoghi e poi cenare sulla terrazza di un buon ristorante, con la vista mozzafiato di tre paesi confinanti.

Pella

Pella (Tabaqat Fahl), fra le favorite degli archeologi, è eccezionalmente ricca di reperti storici, alcuni dei quali estremamente antichi. A parte le rovine del periodo greco-romano, compreso l’Odeon (teatro), Pella offre ai suoi visitatori l’opportunità di vedere le rovine dell’insediamento calcolitico del quarto millennio a.C., i resti dell’età del bronzo e le città fortificate dell’età del ferro. Oltra alle chiese e le case bizantine, un quartiere residenziale del primo periodo islamico e una piccola moschea medievale.

Condividi!