Metropolitana Torino | Orari Fermate Mappa Metro Torino

Metropolitana Torino, Orari Fermate Mappa Metro Torino. Il percorso e le fermate della linea Metropolitana di Torino, prima metropolitana automatica d’Italia. Orario, biglietti e stazioni per muoversi nella città di Torino. L’apertura delle stazioni Bengasi e Italia 61.

Fermate Metro Torino

Le fermate della metropolitana di Torino sono 21. Collegano i punti salienti della città di Torino, con entrambe stazioni della ferrovia. Il primo capolinea è la stazione di Fermi, nei pressi di corso Francia e la città di Collegno. L’altro capolinea è la stazione di Lingotto. E’ previsto nel 2021 il proseguimento fino a piazza Bengasi. Il tracciato passa dalla stazione FS Porta Susa e infine, sfiora il centro della città con la fermata della stazione di Porta Nuova.

Da Porta Nuova percorrendo a piedi via Roma si raggiunge in pochi minuti il Centro di Torino con Piazza San Carlo, detta il salotto della città, il Museo Egizio e Piazza Castello sede del Palazzo Reale.

Elenco Fermate

Fermi – Paradiso – Marche – Massaua – Pozzo Strada – Monte Grappa – Rivoli – Racconigi – Bernini – Principi d’Acaja – XVIII Dicembre – Porta Susa – Vinzaglio – Re Umberto – Porta Nuova – Marconi – Nizza – Dante – Carducci/Molinette – Spezia – Lingotto – Italia 61* – Bengasi*. *prossima apertura

Durata Percorrenza dei Treni

Il collegamento da Collegno al Lingotto, da capolinea a capolinea dura circa 21 minuti. Da Lingotto a Porta Nuova occorrono 6 minuti, da Lingotto a Porta Susa occorrono invece 9 minuti. La metropolitana si integra con il sistema di trasporto pubblico di superficie permettendo un rapido interscambio e un elevato grado di mobilità sul territorio di Torino.

Mappa Metro Torino

Metropolitana Torino Orario

Inizio servizioFine servizioUltima partenza da FermiUltima partenza da Lingotto
Lunedì05.3022.0021.1021.35
Dal martedì al sabato05.3000.3023.4000.05
Domenica e festivi07.0000.3023.4000.05

Orario in vigore dal 27 marzo 2020

Parcheggio Metropolitana Torino

La Metro di Torino, passa sotto la città di Torino da ovest a sud. Collegando la città di Collegno al centro di Torino, e alle stazioni ferroviarie di Porta Susa e Porta Nuova e Lingotto. E’ presente un parcheggio all’interno di Lingotto Fiere, contiene più di 3.300 posti auto. Inoltre nella stazione Porta Susa, è possibile lasciare l’auto al parcheggio Palagiustizia e proseguire il viaggio in metro.

Il parcheggio di interscambio di Fermi, nel comune di Collegno, consente l’utilizzo dalla metro a chi arriva a Torino dalle valli montane e dalla tangenziale ovest. Per chi arriva con la propria auto è garantito un collegamento con il cuore della città in poco più di 10 minuti.

Metro Torino il percorso

La metropolitana corre sotto Corso Francia, famoso viale alberato della città e antica via di collegamento con la Francia. Attraversa le piazze Massaua, Rivoli e Bernini, e prosegue la sua corsa sotto corso Vittorio Emanuele II, storico viale del centro di Torino. La linea che collega Porta Nuova al Lingotto, si sviluppa in rettilineo sotto via Nizza. Prevede 6 stazioni: Marconi, Nizza, Dante, Carducci-Molinette, Spezia e Lingotto. Lingotto è la fermata per le più importanti fiere di Torino. Nel 2021 si aggiungeranno Italia 61, sede del Palazzo della Regione Piemonte e piazza Bengasi.

Fermata Piazza Bengasi e Italia 61

Bengasi sarà quindi il futuro capolinea della linea M1 della metropolitana di Torino. L’accesso alla stazione si effettuerà dall’omonima piazza Bengasi. L’apertura della stazione era inizialmente prevista entro la fine dell’anno 2017. Ma venne posticipata per vari problemi di gestione avvenuti durante i lavori da parte delle ditte incaricate. Infine però la fermata è stata inaugurata il 10 Febbraio 2021 e sarà accessibile al pubblico dalla primavera 2021.

 

Metropolitana Torino Prezzi dei biglietti

Il biglietto semplice chiamato City 100, costa 1,70 euro e si acquista nelle emettitrici automatiche collocate nell’atrio di ogni stazione della metropolitana o nelle rivendite di superficie. Il biglietto permette di permette di effettuare una corsa in metropolitana e di utilizzare tutti i mezzi di superficie nell’arco temporale della sua validità.

Presso le emettitrici automatiche delle stazioni è possibile acquistare, anche con pagamento tramite bancomat e carta di credito, i seguenti titoli:

Su smart card BIP:
E’ una tessera su supporto di plastica con un microchip su cui si può caricare un abbonamento.

Biglietto City 100 € 1,70
Biglietto giornaliero Daily € 3,00
Multi Daily 7 € 17,50
Abbonamento mensile Under 26 € 25,00
Abbonamento ordinario annuale Under 26 € 258,00

Su supporto chip on paper:
E’ un biglietto elettronico su cartoncino che deve essere valorizzato con il POS.

Biglietto City 100 € 1,70
Multicity € 10,00
Biglietto giornaliero Daily € 4,00
Biglietti validi per 48 € 7,50 e 72 ore € 10,00

Tutti i tipi di abbonamento urbano, gli abbonamenti Under 26, Over 65 e gli abbonamenti Formula per le linee urbane e suburbane sono validi anche per la metropolitana torinese.


Booking.com

Convalida biglietti

La convalida dei documenti di viaggio deve sempre avvenire anche se una precedente convalida è già stata effettuata sulla rete di superficie. L’uso della metropolitana automatica di Torino è vietato ai minori di anni 12 non accompagnati. I passeggeri che scendono dai treni hanno precedenza rispetto a quelli che salgono. Non è consentito rimanere a bordo dei treni durante le fasi di inversione del senso di marcia al capolinea.

Metropolitana Torino, come si usa

Le stazioni della Metropolitana sono segnalate dal simbolo internazionale “M” posto accanto alle rampe d’accesso alle stazioni. Chi è sprovvisto di titolo di viaggio può acquistare il biglietto anche dalle biglietterie automatiche di stazione pagando con monete, banconote, bancomat e carte di credito. Il biglietto è valido per una corsa in metropolitana e fino a 100 minuti su tram e bus. Superata la barriera di controllo si scende al mezzanino dove si sceglie la direzione di viaggio (verso XVIII Dicembre o verso Fermi). Raggiunta la banchina si attende l’arrivo del treno, la sagoma del convoglio appare dietro le porte automatiche.

All’apertura delle porte automatiche, poste in corrispondenza di quelle del treno si sale naturalmente dopo aver fatto scendere i passeggeri arrivati a destinazione. Segnali acustici e luminosi indicano la chiusura delle porte, dopo di che il treno riparte. I diagrammi di percorso collocati sopra le porte permettono di controllare il tragitto: fermata dopo fermata. Una voce registrata segnala il nome delle fermate in avvicinamento. Quando il treno entra in stazione e compare sulle pareti della banchina il nome della propria fermata e ci si prepara a scendere. Le scale mobili portano direttamente all’atrio, dopo aver attraversato la barriera d’accesso si raggiunge la superficie.

È possibile trasportare animali di piccola taglia purché tenuti in braccio e sotto controllo. L’ingresso sul treno per i disabili è segnalato da un apposito adesivo sulle porte di alcune vetture. Il parcheggio di interscambio di Fermi è aperto 24 ore su 24. Sui treni e nelle stazioni sono in funzione telecamere a circuito chiuso collegate con il Posto di Comando e Controllo.

Metro Torino, come è fatta

Posto di Comando e Controllo

L’insieme del sistema, oltre all’inserimento e al ritiro dei treni dalla linea, è controllato per mezzo di telecomandi e telemisure dal Posto di Controllo e Comando, con il semplice comando degli operatori in servizio. In caso di necessità gli operatori del PCC dispongono di sistemi di videosorveglianza e di comunicazione interfonica per informare i passeggeri. In assenza di un intervento degli operatori, il sistema funziona in modo completamente automatico.

VAL, Veicolo Automatico Leggero

Il sistema VAL, Veicolo Automatico Leggero, viene utilizzato per la prima volta in Italia dalla metropolitana di Torino. È stato progettato in modo da garantire la massima sicurezza attraverso un sistema di Controllo Automatico dei Treni (ATC) progettato specificatamente per questo tipo di veicoli.

 

Questo sistema beneficia delle caratteristiche più avanzate nel settore: assenza di personale fisso sui treni e in stazione che permette un esercizio ad automazione integrale; elevata capacità di gestione dei guasti; telesorveglianza e telemisurazione del servizio (treni, impianti di linea e di stazione); protezione dei treni contro il rischio di collisioni, eccesso di velocità, ecc., fornita dalla funzione ATP (protezione automatica dei treni).

Metropolitana Torino, le vetture

Ogni convoglio del VAL, della lunghezza di 52 metri. E composto da 2 vetture di 26 metri, formate a loro volta da 2 carrozze di 13 metri ciascuna agganciate tra loro in modo permanente. Ogni carrozza, realizzata in alluminio e leghe leggere, è larga 2,08 metri, ha un’altezza interna di circa 2 metri e pesa 14.000 kg. Su ogni fiancata si aprono tre porte e la capienza massima di ogni carrozza è di 31 passeggeri seduti e 49 in piedi, con gli strapuntini aperti; oppure 19 seduti e 61 in piedi con gli strapuntini chiusi. Complessivamente un convoglio da 52 metri può trasportare fino a 440 passeggeri (carico C4 4 pers/mq).

La sicurezza del VAL è aumentata inoltre dalla dotazione di ruote in gomma che scorrono su guide d’acciaio. Questo consente una maggiore aderenza in accelerazione e in frenata. In più garantisce una notevole riduzione delle vibrazioni e il superamento di pendenze maggiori rispetto alle normali metropolitane con ruote in ferro (pendenza massima 10%).

Il treno può raggiungere una velocità massima di 80 km all’ora. Il tempo di stazionamento può variare dai 15 ai 17 secondi. Il tempo medio di percorrenza tra una fermata e l’altra è di appena 60 secondi. Da Fermi a XVIII Dicembre impiega poco più di 10 minuti.

Sicurezza delle stazioni

La metropolitana VAL di Torino è caratterizzata da stazioni concepite per evitare spazi angusti e labirintici, che spesso caratterizzano le metropolitane. L’adozione del sistema VAL, caratterizzato da treni automatici senza conducente e di dimensioni ridotte, ha permesso una specifica progettazione.

Treni automatici sono in grado di eseguire procedure di precisione e hanno permesso l’adozione del tunnel vetrato di banchina. Le porte scorrevoli si aprono solo all’arrivo del treno in stazione. In questo modo isolano la stazione dalla galleria con notevoli vantaggi in termini di sicurezza e di dispositivi antincendio. Vetture di dimensioni ridotte hanno, invece, favorito la progettazione di stazioni estremamente vivibili. I percorsi interni sono brevi, massima visibilità dei diversi piani e chiara percezione dei volumi.

Condividi!