Torino cosa vedere in un giorno o due

Torino cosa vedere in un giorno o due. Cosa fare a Torino in un weekend, consigli pratici e idee per trascorrere un fine settimana nella prima capitale d’Italia. Cosa vedere a Torino vicino al Museo Egizio. Le cose da non perdere e da vedere a Torino centro e i quartieri da visitare. Trascorri il tuo Weekend in Piemonte, guida completa su cosa vedere a Torino in un giorno o due.

Cosa vedere a Torino

Scopri cosa vedere a Torino. Consigli pratici per visitare la città, i migliori hotel di lusso e ristoranti dove mangiare e dove dormire per un fine settimana a Torino. Una città ricca di storia, con palazzi e importanti musei, i caratteristici caffè storici e i monumenti principali della città capoluogo del Piemonte.

Ristoranti stellati e i locali dove passare la serata. Utilizza i mezzi pubblici della città e i famosi Tram Storici del centro di Torino, per spostarsi puoi utilizzare la Metropolitana di Torino, dal parcheggio di Fermi alle nuove fermate di Piazza Bengasi e Italia 61, dove sorge il palazzo della Regione.

Cosa fare a Torino in un giorno

Dopo una ricca colazione a base di cappuccino e brioche iniziamo il nostro itinerario dal cuore storico della città e la famosa Piazza Castello. Al centro della piazza sorge imponente l’affascinante Palazzo Madama, dimora reale con la facciata di ponente progettata dall’architetto Filippo Juvarra.

Al suo interno è ospitato il Museo Civico d’Arte Antica con una splendida raccolta regionale di arazzi, pitture e ceramiche. Sul lato sinistro oltrepassata la splendida cancellata in ferro di Pelagio Pelagi si giunge al Palazzo Reale.

Nel corpo laterale esterno si trova l’Armeria Reale che ospita una delle collezioni d’armi più importanti d’Europa. Sulla sinistra si ammirano le linee architettoniche barocche delle vertiginose cupole di San Lorenzo e della Cappella della Sacra Sindone. A poca distanza in Piazza della Consolata, troviamo il Caffè al Bicerin dal 1763, che fa parte dei Caffè Storici di Torino.

L’ambiente è quello di altri tempi, con pareti abbellite da boiseries di legno decorate da specchi e lampade. Poi caratteristici tavolini tondi di marmo bianco, il bancone di legno e marmo, le scaffalature per i vasi dei confetti, le vetrine in ferro, le vetrinette ai lati, le colonnine e i capitelli in ghisa. Obbligo l’assaggio della tipica bevanda bicerin, una storica bevanda analcolica tipica della città, evoluzione della settecentesca bavareisa.

Proseguendo lungo i portici del lato di Piazza Castello verso il fiume Po, si raggiunge il Teatro Regio. Il tempio della lirica ricostruito dopo l’incendio del 1936 sulle ceneri del vecchio teatro di Benedetto Alfieri. Passeggiare nel centro è un vero piacere grazie ai 18 chilometri di portici che furono realizzati nell’epoca barocca. Caratteristica è via Po, dove sul lato sinistro i portici sono ininterrotti: questo era infatti il lato utilizzato dal re per le sue passeggiate.

Qui potete trovare la caffetteria storica Fiorio, un tipico bar torinese inaugurato nel lontano 1780. Il Caffè dei Fratelli Fiorio è uno dei caffè storici più antichi di Torino che fu abituale ritrovo dei nobili all’epoca della restaurazione e in seguito dei maggiori intellettuali e politici del Risorgimento, periodo in cui l’Italia conseguì la propria unità nazionale. Ancora oggi è un apprezzato ritrovo dei torinesi e dei turisti e si può assaggiare il famoso gianduiotto.

Passeggiando in Via Po s’incontra la Mole Antonelliana (167,5 mt di altezza) uno dei simboli di Torino. Questa struttura, una delle più alte del mondo realizzate in muratura, ospita il Museo Nazionale del Cinema. Oltre alla visita del Museo merita salire con l’ascensore per ammirare una delle viste più belle sulla città.

Dal museo ad una delle più belle piazze di Torino: Piazza Vittorio Veneto, per i torinesi da chiamata Piazza Vittorio e in passato dedicata al Re Vittorio Emanuele I. Di suggestiva bellezza la vista sulla collina torinese, proprio di fronte alla spettacolare Chiesa della Gran Madre.

Pranzare a Torino centro

E’ ora di pranzo! I ristoranti del centro offrono ormai tutti la possibilità di mangiare un piatto leggero e veloce. Per chi ricerca le atmosfere curate, perché non sedersi tra gli splendidi arredi di un ristorante storico? Per gli appassionati di cucina consigliamo il Ristorante al Cambio, ristorante stellato a Torino, aperto dal 1757 frequentato da amanti del bello e della buona cucina, oggi firmata Baronetto. Esperienza a pranzo o cena imperdibili a Torino.

Cosa vedere a Torino Centro storico 

Via Roma, cuore e simbolo della città. Percorrendo l’elegante strada porticata, sede dei negozi più esclusivi e di tutte le grandi firme si giunge in Piazza San Carlo, una delle più scenografiche ed eleganti della città definita ‘salotto di Torino’. Su un lato è delimitata dalle due chiese gemelle di San Carlo e Santa Cristina.

Dal lato della piazza opposto alle chiese partono via Santa Teresa con la chiesa omonima e via Maria Vittoria. Qui non potete mancare la visita dello storico caffè San Carlo, un caffè storico tra i più antichi della città sabauda, ancora oggi è apprezzato ritrovo dei torinesi. Il locale aprì nel 1822 con il nome Caffè di Piazza d’Armi, poiché l’omonima piazza svolse quella funzione fino al 1817. Divenne presto uno dei più celebri ritrovi di intellettuali e patrioti di tutta la stagione del Risorgimento, in contrapposizione ai caffè più conservatori come il Fiorio.

Il Museo Egizio

Sul lato sinistro caratteristica la chiesa di San Filippo Neri, la più grande della città. Proseguendo s’incontra il Palazzo dell’Accademia delle Scienze al cui interno ospita i musei più prestigiosi di Torino da non perdere: la Galleria Sabauda e il Museo Egizio secondo al mondo per importanza dopo quello del Cairo.

Un museo con pezzi raccontano la storia, l’arte, la religione e la vita quotidiana dei Faraoni. Tra i tesori qui custoditi, è da ammirare la statua di Ramses II. Il museo dopo il rinnovamento del 2015 risulta suddiviso in cinque piani espositivi con un percorso di visita cronologico. Il nuovo museo dispone oggi di quarantamila reperti, in parte esposti in sale dotate di un moderno impianto di controllo igrotermico. Nel 2019 aveva fatto registrare il numero d 853.320 visitatori, risultando così il sesto museo più visitato in Italia.

Nella contigua piazza Carignano, si erge con Palazzo Carignano, opera barocca del Guarini, dove nacquero i re Carlo Alberto e Vittorio Emanuele II. Gli appassionati di storia sapranno sicuramente che Torino è stata la prima capitale d’Italia.

E’ quindi una tappa obbligata il Museo del Risorgimento Italiano, ospitato all’interno del palazzo. Da non perdere l’aula del primo Parlamento Subalpino o lo studio di Camillo Benso di Cavour, perfettamente ricreato con mobili originali.

Torino di notte, cosa fare e dove dormire

Luogo per eccellenza della notte torinese è Piazza Vittorio Veneto, dai torinesi chiamata semplicemente Piazza Vittorio.

Qui potete trovare ristoranti di ogni genere e locali per passare una serata in compagnia. Si può iniziare la serata con un aperitivo seduti in uno dei locali di moda della piazza, per poi proseguire con una cena tipica piemontese nelle trattorie e ristoranti della città. Per finire consigliamo di andare ad ascoltare un po’ di buona musica nei locali alla moda della città di Torino.



Booking.com

Hotel di lusso a Torino

Turin Palace Hotel

Turin Palace Hotel 4 stelle Crocetta, Torino
L’elegante e moderno Turin Palace Hotel si trova a Torino, di fronte alla stazione ferroviaria di Porta Nuova, e vanta un ristorante e la connessione Wi-Fi gratuita. Upgrade e late check out gratuiti, nessun sovrapprezzo per il cane, set di cortesia per il cane e squisita gentilezza ed ospitalità da parte di tutti.

NH Collection Torino Piazza Carlina

Hotel 4 stelle Centro Storico di Torino
Situato in un edificio seicentesco nel centro storico di Torino, a 5 minuti a piedi da Piazza Vittorio Veneto e a 800 metri dal Palazzo Reale, l’NH Collection Piazza Carlina offre il WiFi gratuito.

DoubleTree by Hilton Turin Lingotto

Hotel 4 stelle Lingotto, Torino
Antica fabbrica di automobili restaurata e trasformata in hotel di design, il DoubleTree by Hilton Turin Lingotto è collegato al Centro Congressi Lingotto e ubicato vicino al Politecnico e a 600 metri.

Royal Palace Hotel & Spa

Hotel 5 stelle Centro Storico di Torino
Situato a Torino, a 1,8 km dalla Mole Antonelliana, il Royal Palace Hotel & Spa offre un bar e un parcheggio privato.

Estella luxury suites

Centro Storico di Torino
Situato nel centro di Torino, a 1,7 km dalla Mole Antonelliana e a 2,8 km dal Politecnico, l’Estella luxury suites offre sistemazioni con area salotto.

Principi di Piemonte | UNA Esperienze

Hotel 5 stelle Centro Storico di Torino
Ubicato nel centro di Torino, a meno di 5 minuti a piedi dal Museo Egizio, il Principi di Piemonte | UNA Esperienze propone servizi di prim’ordine e camere moderne e lussuose.

Due giorni a Torino, secondo giorno

Dopo la colazione in uno degli hotel del centro di Torino, per trascorrere il mattino in città, una zona molto piacevole dove passeggiare è quella pedonale che parte da Via Garibaldi. La via è lunga ben 962 metri, e che prosegue attraverso vie e viuzze parallele o che la intersecano. In questa zona si trovano le chiese più antiche e i luoghi della fede popolare. Poco oltre la chiesa della SS. Trinità e sulla destra la chiesa del Corpus Domini.

Shopping, Porta Palazzo

Proseguendo si incontra la caratteristica piazza delle Erbe, così definita perché si svolgeva il mercato della verdura. Imboccando via Milano si giunge al coloratissimo e multietnico mercato di Porta Palazzo, che sorge nell’ottagonale Piazza della Repubblica che, con i suoi 51300 m², è la piazza più estesa della città e ospita il mercato all’aperto più grande d’Europa.

Nella zona Est di Porta Palazzo si trova l’edificio storico del 1916, del Mercato IV Alimentare chiamato anche Antica Tettoia dell’Orologio. Dispone di un grande mercato alimentare coperto e di due tettoie aperte. In quella situata lungo Corso Giulio Cesare si possono acquistare i Casalinghi, l’altra è quella riservata ai prodotti venduti dai coltivatori diretti.

Di nuova apertura il Mercato Centrale di Torino, che sorge presso il Centro Palatino Palafuksas di Porta Palazzo. Si tratta di un edificio moderno e ripristinato con una veste rinnovata. Dispone di 4500 mq distribuiti su tre livelli, 26 botteghe piene di bontà, una scuola di cucina, un mulino e la torrefazione. Ce n’è davvero per tutti i gusti, dalla carne alle verdure, passando per pasta, formaggi e pizza fino alle proposte stellate ma rigorosamente a prezzo popolare.

Il mercato del Balôn

Nelle strette vie dell’adiacente Borgo Dora si svolge il mercato delle pulci più famoso della città di Torino, chiamato Balôn. Questo storico mercato dell’usato si svolge ogni sabato lungo le principali vie del borgo. Le principali vie interessate sono via Bernardino Lanino, via Borgo Dora e via Goffredo Mameli.

Il mercato del Balon si diffonde in tutto il Borgo Dora arrivando a fondersi al vicino mercato alimentare di Porta Palazzo. Ogni sabato questo enorme insieme di bancarelle dà vita alla più estesa area mercatale all’aperto di tutta Europa.

Negli anni ottanta è stato creata la manifestazione dedicata all’antiquariato chiamata Gran Balon. Si tiene la seconda domenica di ogni mese e vi partecipano circa 250 espositori. A questi si aggiungono ai numerosi negozi di antiquariato di mobili e oggettistica situati lungo le vie della zona di Borgo Dora.

Museo della Sacra Sindone

Ritornando nella zona di via Garibaldi è possibile visitare numerosi palazzi settecenteschi. Tra questi Palazzo Barolo ampliato alla fine del XVII secolo su progetto di Benedetto Alfieri.

D’obbligo la visita al Museo della Sindone e al Santuario della Consolata, dove si venera Maria Consolatrice protettrice di Torino. Vi lavorarono in successione gli architetti Guarino Guarini, Filippo Juvarra e Carlo Ceppi.

Parco del Valentino

Lungo il fiume Po si può pranzare in uno dei tanti locali. Per poi arrivare al Parco del Valentino polmone verde della città, esteso per 550.000 metri quadrati lungo la riva sinistra del Po. Qui sorge l’omonimo Castello del Valentino, costruito a partire dal XVI secolo e in seguito trasformato sul modello delle regge francesi. Oggi ospita la facoltà di Architettura. A fianco interessante la visita all’orto botanico.

Qui, immersi nel verde, si potrà affittare una bicicletta e pedalare intorno al castello fino al Borgo Medievale e alla Rocca, eretto nel 1884 e riproducente appunto una struttura medievale. Al suo interno consigliamo di fare la visita multimediale: sapori, odori e rumori vi faranno rivivere atmosfere d’altri tempi.

Palavela e Italia 61

Sempre lungo il Po, in Corso Unità d’Italia, incontriamo il Museo Nazionale dell’Automobile Carlo Biscaretti di Ruffia. Si arriva poi al complesso degli edifici costruiti per il centenario dell’Unità d’Italia (1961). Tra questi il Palazzo delle Mostre, ora chiamato Palavela per la sua forma e dopo le olimpiadi rinnovato e utilizzato per eventi sportivi. C’è poi l’area di Italia 61, oggi in stato di abbandono con la ex monorotaia e il Palazzo del Lavoro, progettato da Pier Luigi e Antonio Nervi.

Infine una sosta è d’obbligo al Lingotto, stabilimento FIAT progettato nel 1914-16 da Giacomo Mattè Trucco, con la famosa pista di collaudo sul tetto. L’area è oggi centro espositivo, dotato di Auditorium (Renzo Piano, 1994) e utilizzato in passato per manifestazioni come il Salone del Libro e dell’Automobile. Ospita inoltre un elegante hotel 4 stelle NH Hotel comodissimo per raggiungere la Fiera di Torino.

Notte a Torino, i ristoranti stellati

Una delle zone più di moda è sempre stata quella del quadrilatero romano definita ‘Fornelletti’. La zona è compresa tra via Sant’Agostino e via delle Orfane. In queste antiche vie pedonali della Torino Medievale sono sorti ristoranti di cucina regionale, internazionale e etnica. Inoltre si trovano caffè letterari dove assistere a qualche presentazione, caffè marocchini dove sorseggiare un tè alla menta con qualche dolcino, tapas bar, tipiche vinerie e locali multietnici.

I nove ristoranti stellati di Torino del 2021

Del Cambio, 1 stella Michelin

Indirizzo: Piazza Carignano, 2 – 10123 Torino.
Uno dei ristoranti storici della gastronomia torinese è ritornato a brillare con la stella Michelin nel 2016 dopo la riapertura nel 2014 grazie al suo talentuoso Chef Matteo Baronetto. Anche quest’anno Del Cambio viene premiato con questo importantissimo riconoscimento per la sua altissima cucina. Cucina piemontese ed estro creativo moderno nel ricco menù à la carte proposto dal locale. Troverete piatti tradizionali come il vitello tonnato, l’insalata alla piemontese, gli agnolotti e il bollito misto.

Condividere, 1 stella Michelin

Indirizzo: Via Bologna, 20 – 10152 Torino.
Condividere, il ristorante della Nuvola Lavazza guidato dallo chef modenese Federico Zanasi. E’ stata la new entry dello scorso anno e quest’anno riconferma la sua stella Michelin grazie alla sua filosofia del gusto ispirata alla condivisione informale dei piatti d’autore.

Le preparazioni della tradizione vengono associate a nuovi formati in cui la cucina italiana e spagnola si incontrano e si fondono. Tre i menù degustazione proposti, Curioso, Festival e Gran Festival, per offrire la massima espressione della propria cucina.

Magorabin, 1 stella Michelin

Indirizzo: Corso San Maurizio, 61 – 10124 Torino.
Cucina piemontese rivisitata con il gusto personale ed eccelso dello Chef Marcello Trentini che ha aperto questo delizioso ristorante nel 2003 e che dal 2013 vanta l’ambita stella Michelin. Potrete scegliere tra i menù degustazione pensati dallo chef oppure i piatti à la carte. Nei piatti tradizione e innovazione per una cucina contaminata in grado di passare dal piatto della memoria all’accostamento più ardito!

Vintage 1997, 1 stella Michelin

Indirizzo: Piazza Solferino, 16/H – 10121 Torino.
Umberto Chiodi Latini è il patron del ristorante e in cucina c’è una squadra squadra giovane e dinamica. La prestigiosa guida Michelin ha conferito quest’anno al ristorante la stella per il diciottesimo anno consecutivo. Ancora piatti della tradizione piemontese rivisitati in chiave moderna, con estrema attenzione per gli ingredienti, il gusto e l’estetica. Un viaggio nel Piemonte più autentico per riportare in tavola ricordi e profumi per un’esperienza di gusto ed emozione!

Casa Vicina Eataly Lingotto, 1 stella Michelin

Indirizzo: Via Nizza, 224 – 10126 Torino.
Il connubio tra Eataly e lo chef Claudio Vicina funziona e la stella Michelin li premia anche nel 2021. Eccellenza di materie prime, professionalità, piatti della tradizione, gusto e presentazione, come un ristorante stellato deve essere. Agnolotti al suo d’arrosto, filetto di fassone, antipasti della tradizione per una cucina piemontese (e non solo) alle stelle.

Cannavacciuolo Bistrot, 1 stella Michelin

Indirizzo: Via Umberto Cosmo, 6 – 10131 Torino.
Il Cannavacciuolo Bistrot di Torino, il ristorante del famoso chef partenopeo che ha aperto da qualche anno sotto la Mole e ha affidato la sua cucina al giovane e talentuoso chef Nicola Somma si conferma anche quest’anno nella lista degli stellati torinesi. Tra i deliziosi piatti proposti la battuta di Fassona piemontese con lamponi e caviale, i ravioli ripieni di faraona con cavolfiore abbrustolito e scampi, il tonno vitellato con maionese di bottarga e molto altro.

Spazio 7, 1 stella Michelin

Indirizzo: Via Modane, 20 – 10141 Torino.
Riconfermata anche quest’anno la stella per Spazio 7 della Fondazione Sandretto. Ci troviamo nel regno dell’arte contemporanea a Torino, che tre anni fa era entrato per la prima volta nell’ambito elenco.

I piatti portano la firma di Alessandro Mecca, chef discendente di una nota famiglia di ristoratori torinesi con un grande curriculum alle spalle avendo già lavorato in alcuni dei migliori locali del Piemonte. La proposta è fatta di menù emozionali in continua evoluzione come le opere che impreziosiscono gli ambienti minimali ed eleganti.

Carignano, 1 stella Michelin

Indirizzo: Via Carlo Alberto, 35 – 10123 Torino.
Riconfermato anche il ristorante Carignano che si trova all’interno dell’Hotel Sitea. Pochi tavoli in questo elegante ristorante che ha come direttori d’orchestra Fabrizio Tesse (già stellato alla Locanda di Orta) e Marco Miglioli. Una proposta enogastronomica ispirata alla rinomata cucina piemontese e ridisegnata attraverso i codici tradizionali del gusto.

Piano 35, 1 stella Michelin

Indirizzo: Grattacielo Intesa Sanpaolo, Corso Inghilterra, 3 – 10138 Torino.
La new entry del 2021 è Piano 35, il ristorante del Grattacielo San Paolo di Torino. E’ guidato dallo chef Marco Sacco che vanta già due stelle Michelin con il suo ristorante Piccolo Lago affacciato sul romantico Lago di Mergozzo e dallo chef resident Christian Balzo.

“Bello, Buono, Semplice”, queste le parole chiave della proposta del ristorante più alto d’Italia progettato da Renzo Piano e studiato per evadere dalla città. Tre gli itinerari proposti: Piemonte, per un viaggio nella tradizione regionale magistralmente rivisitata dallo chef, Giro d’Italia e Piccolo Lago a Torino.

Condividi!