Museo dell'automobile

Storia del Museo
L'idea di un museo dell'automobile fu lanciata nel 1932 da Cesare Goria Gatti e da Roberto Biscaretti di Ruffia, due pionieri dell'automobilismo italiano. L'incarico di realizzare questo progetto fu affidato a Carlo Biscaretti di Ruffia e a Giuseppe di Miceli, allora direttore dell'Automobile Club di Torino, che nel 1933 organizzarono un esposizione al salone di Milano. Nel 1938 le vetture reperite vennero sistemate nei locali posti sotto le gradinate centrali dello stadio comunale. Considerando il grande valore storico e tecnico del patrimonio acquisito, nel 1956, le Fabbriche di Automobili e la famiglia Agnelli decisero di promuovere la costruzione di una sede permanente in corso Unità d'Italia. Venne così costruito il Museo dell'Automobile di Torino che venne inaugurato il 3 novembre 1960 e Carlo Biscaretti di Ruffia ne divenne il primo Presidente. Nel corso della sua storia, il museo si è arricchito di nuove sezioni: il Centro di Documentazione e la Biblioteca. Nel 1975 la biblioteca ed il centro si sono notevolmente arricchiti di libri, documenti originali e fotografie, grazie al lascito Canestrini. Il Museo dell'Automobile è completato dal Centro Congressi e dalla Sala Mostre Temporanee.

L'Esposizione
Il Museo dell'Automobile di Torino è l'unico Museo Nazionale nel suo genere in Italia ed offre al pubblico un secolo di locomozione raccontata attraverso le circa 280 vetture esposte. Si tratta di una delle più grandi collezioni d'Europa e comprende veicoli di tutti i tipi: dalla replica del primo carro automuovente della storia, il carro d'artiglieria di Cugnot del 1769, ad un modello di vettura elettro-solare del 1990. Sono inoltre presenti dei modelli sportivi e delle vetture di serie, imponenti berline americane di rappresentanza e deliziosi calessini ancora sullo stile delle carrozze a cavalli, siluri da record e dragster americani, monoposto di F1 e vetture sportive, automobili elettriche, a vapore e con motore a scoppio. Le vetture, appartenenti a 80 case automobilistiche diverse, provengono da Italia, Francia, Gran Bretagna, Germania, Olanda, Spagna, Polonia e USA. Tra le recenti acquisizioni del Museo figurano la Ferrari 246 F1, campione del mondo di F1 nel 1958 con Mike Hawthorne, una Lancia Flaminia presidenziale del 1961, donata al Museo dal presidente Ciampi e l'Alfa Romeo 155 V6 TI con cui Nicola Larini ha partecipato al Campionato Mondiale Turismo.

Indirizzo: Corso Unità d'Italia 40, 10126 Torino
Telefono: 0039. 011. 677666
Orari: dalle ore 10.00 alle 18.30; giovedì fino alle 22.00;
domenica fino alle 20.30; chiuso il lunedì
Prezzi: intero 5,5 euro; ridotto 4 euro; scolaresche 2 euro
Come arrivare: autobus: 34, 35 e 17/, tram 1 e 18
 

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Nbts.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata. Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso dei cookie.