Gerusalemme, cosa vedere

Con i suoi tremila anni di storia alle spalle e i suoi centri commerciali che guardano al futuro, Gerusalemme è una città eternamente giovane, un museo all'aperto e una città moderna e dinamica al tempo stesso, in cui il passato si intreccia continuamente col presente. 

Gerusalemme è una festa dei sensi, una città in cui si respira un'aria unica, nel riverbero dorato del sole al tramonto che si riflette negli edifici, nei vestiti neri degli uomini e dei ragazzi che si dirigono alle sinagoghe, nei suoni delle campane e nelle voci dei muezzin che richiamano i fedeli alla preghiera, e nell'attività quotidiana della gente che lavora nella città più straordinaria del mondo.

L'energia di Gerusalemme emana dalla continua interazione tra antico e moderno, tra sacro e profano, tra terreno e spirituale. In nessun altro luogo in Israele esistono contrasti più evidenti che a Gerusalemme. Le mura della Città Vecchia ed i centri commerciali della Città Nuova. archi romani, fossati bizantini, mura dei Crociati e bastioni ottomani. Gerusalemme è un grande mosaico pieno di colori. Una visita alla Città Santa è per tutti un'esperienza indimenticabile.

La città moderna offre una ricca varietà di attività per il tempo libero, dai pub alle discoteche, dalle fiere ai festival. Artisti di fama internazionale vengono periodicamente invitati nei teatri della città e si esibiscono nelle strade durante l'lsrael Festival che si tiene ogni anno da maggio a giugno. In agosto le strade del quartiere degli artisti si riempiono di produzioni di artigianato, mentre la Cinemathèque proietta film di ogni genere. Dalla primavera all'autunno si odono i suoni del rock e delle sinfonie dal Sultan Pool Theater, mentre gli appassionati di jazz e folk si danno convegno nei locali e nei caffé.

I numerosi ristoranti sono in grado di soddisfare ogni esigenza, mentre per lo shopping non c'è niente di meglio delle bancarelle del mercato Mahaneh Yehuda, il bazaar della Città Vecchia o l'antico Cardo, dove le strade bizantine e i negozi hanno riacquistato la loro antica funzione. Altrettanto affascinanti sono i negozi, i caffé e i ristoranti dei centri commerciali, pronti a servire caffé e prodotti di pasticceria fin dal primissimo mattino e prelibate cene con raffinati drink la sera, mentre i giovani artigiani offrono i loro prodotti lungo le pittoresche viuzze di ciottoli. Non mancate di visitare il Museo "Shrine of the Book" (Santuario del Libro), che ospita i Rotoli del Mar Morto, vecchi di 2000 anni. Non sottraetevi al ricordo della spaventosa tragedia dell'olocausto a Yad Vashem, passeggiate accanto alle case dei sacerdoti e visitate le antiche sinagoghe della Città Vecchia, il Muro Occidentale, la Via Dolorosa, la  Chiesa del Santo  Sepolcro, le cupole luccicanti sul Monte del Tempio, le Vetrate di Chagall del Centro Medico Hadassa, il cupo Memoriale dell'Olocausto di Yad Vashem, realizzazioni architettoniche quali la Knesset e l'edificio della Corte Suprema.

Da non perdere e’ il famosissimo Israel Museum che, insieme a un magnifico padiglione archeologico, conserva anche ricche collezioni di "Judaica" (i tradizionali oggetti legati alla cultura ebraica), di pittura e scultura moderna. Ognuno di questi musei è un ulteriore tributo all'importanza e alla centralità di Gerusalemme. Non meraviglia dunque che un antico disegnatore di mappe pose Gerusalemme al centro del mondo. Questa bellezza e le sue molte promesse sono un'esperienza da non perdere.

La varietà nell'abbigliamento della gente che cammina per le strade è già di per sé una testimonianza del pluralismo della città: i teen-ager in T-shirt e jeans, i sai dei frati, i copricapi delle donne ebree e musulmane, i vestiti casual degli awentori dei caffè, i tradizionali caffetani neri e i cappelli dei religiosi ebrei. Il contrasto è l'elemento dominante della città e si manifesta in tanti modi, dai cori di Natale ai concerti rock, dai mercatini tradizionali all'aperto allo shopping nei grandi centri commerciali con l'aria condizionata. Si può camminare per i siti archeologici e per i musei, pranzare velocemente con i popolari "falafel" o con una pizza, concedersi cene prelibate con agnello arrosto e squisitezze da gourmet. E, nella città dei contrasti dove gli edifici di quattrocento anni sono considerati nuovi, l'architettura moderna è davvero all'avanguardia. 

 

 

nbts_archeologia_300

nbts_cartolina_300

RICETTE CUCINA ETNICA

cucina_intro300x60
Anche la gastronomia rappresenta un modo per avvicinarsi alla cultura di un popolo, aiuta a conoscere un meglio il paese e a comprenderne ritmi e tradizioni. Ecco delle semplici ricette da fare in casa...  continua

PETRA LA CITTA' DEI NABATEI

pubblicit_petra_nbts

"Petra è il più bel luogo della terra: non per le rovine, ma per i colori delle sue rocce tutte rosse, nere, con strisce verdi e azzurre. Non saprai mai cos'è Petra in realtà, a meno che tu non ci venga di persona". Così descriveva Petra, Lawrence d'Arabia... continua

nbts_catalogo_israele

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Nbts.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata. Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso dei cookie.