Tour: Da Petra a Gerusalemme, sulle rotte dei cammellieri

Tipologia : viaggio della Giordania con Petra, il deserto del Wadi Rum, Mar Morto con estensione in Israele per le visite di Betlemme e della città santa Gerusalemme.
Durata
: 8 giorni / 7 notti

Codice : JOTC0809
Partenze individuali : tutti i giorni, minimo 2 persone.
Partenze di gruppo : non effettuate, tuttavia possiamo fornire il viaggio a gruppi precostituiti.
Stagionalità : il viaggio è effettuabile tutto l’anno. Le stagioni di primavera e autunno sono le più indicate in quanto presentano un clima più mite.

 

 

 

Introduzione : In questo viaggio nella storia vi riportiamo a tempi antecedenti Alessandro Magno quando lo scambio di merci pregiate tra l'India ed il Mediterraneo toccava i principali siti di questo viaggio. I vascelli in arrivo dall'Oriente attraccavano a Eudaemon Arabia, l'attuale città di Aden nello Yemen; da qui i mercanti proseguivano a dorso di cammello lungo tutta la costa occidentale della Penisola Arabica attraversando il deserto del Wadi Rum fino ad arrivare a Petra, capitale del Regno dei Nabatei. I magnifici palazzi scolpiti nella roccia, di questa che è ancora oggi una delle località archeologiche più suggestive di tutto il Medio Oriente, testimoniano quanto ricca e potente fosse questa città grazie al commercio in transito. Da qui i viaggiatori di quel tempo si dirigevano verso le coste del mediterraneo e passando da Gerusalemme verso la città di Damasco.

giordania_mappaJOTC0809


1° giorno : Italia – Volo - Amman
Partenza dall'Italia con volo di linea. Arrivo all'aeroporto Queen Alia di Amman e incontro con il personale locale, assistenza e trasferimento in hotel in auto/minibus privato. Sistemazione nelle camere e pernottamento.
Pasti : -/-/-

2° giorno : Amman – Jerash - Shobak – Piccola Petra – Petra by night
Dopo colazione partenza verso nord per raggiungere Jerash, località seconda soltanto a Petra tra le destinazioni preferite dai turisti in Giordania. Anticamente conosciuta con il nome di Gerasa, la città visse il suo periodo di massimo splendore sotto il dominio dei Romani per poi essere dimenticata a seguito di devastazione e terremoti. Venne riscoperta nel 1806 dall’esploratore tedesco Ulrich Jasper Seetzen, il quale riconobbe una piccola porzione di rovine della città allora sepolta dalla sabbia. Oggi Gerasa costituisce una splendida testimonianza della grandezza e delle caratteristiche dell'opera di urbanizzazione condotta dai Romani nelle province dell'impero in Medio Oriente: strade lastricate, colonnati, templi in cima ad alture, meravigliosi teatri, spaziose piazze pubbliche, bagni termali, fontane e mura interrotte da torri e porte cittadine. Sotto l'impronta greco-romana, Gerasa conserva inoltre una peculiare commistione di oriente e occidente.Architettura, religione e lingue riflettono un processo secolare in cui due potenti culture si sono sovrapposte, coesistendo: il mondo greco-romano del bacino mediterraneo e le antiche tradizioni dell'oriente arabo. Al termine della visita partenza verso sud per raggiungere il castello di Shobak, che si trova abbarbicato sulle pendici di una montagna, tra colline coltivate ad alberi da frutto. Il castello fu edificato nel 1115 dal re Baldovino I di Gerusalemme, e per onorare l'interessamento diretto del sovrano nella sua costruzione, il castello fu originariamente chiamato Mons Regalis (Monte Reale) o Krak de Montreal. Al termine della visita si giunge a Beida, più famosa con il nome di Piccola Petra. In passato quest'area fu meta obbligata per il passaggio delle carovane provenienti dalle coste dell'Hadramauth, regione situata del sud della penisola Arabica nell'attuale Repubblica dello Yemen, che arrivavano a Petra dopo un viaggio di 2 mesi di circa 2000 chilometri molti dei quali di deserto. Questa rotta commerciale diede il via allo sviluppo economico dei Nabatei, del loro Regno e della città di Petra. Grazie agli studi degli archeologi si pensa che al tempo dei Nabatei, il sito di Piccola Petra fosse un'importante caravanserraglio dove mercanti, animali e carovane sostavano e trovavano alloggio durante la loro permanenza a Petra. A Piccola Petra detta anche Beida o Siq al-Barid, si accede entrando in un piccolo siq largo circa 2 metri, superato il quale si apre una piazza dove si possono ammirare numerose opere architettoniche scavate nella roccia delle pareti che formano la valle. In questo sito ci si può stupire della maestria con quale i Nabatei scolpivano la roccia. Arrivo in serata a Wadi Musa, la città moderna che sorge nei pressi del sito archeologico. Sistemazione nelle camere e cena. In serata verso le ore 20.30 visita di Petra di notte (Petra by night). Non esistono parole per descrivere le sensazioni che si provano facendo l’escursione notturna di Petra. Se arrivare di giorno in vista del Tesoro, attraverso il Siq – il canyon che porta all’ingresso della città rosa – è un’esperienza indimenticabile, beh cercate di immaginare quali sensazioni possa trasmettere lo stesso percorso fatto al lume di centinaia e centinaia di candele ai lati del sentiero e poi davanti al Tesoro stesso. E’ senza dubbio un’esperienza che accresce in maniera esponenziale le già forti emozioni provate durante il giorno. Il percorso viene fatto in religioso silenzio, per godere appieno della grandiosità del luogo, ed in fila indiana, per meglio apprezzare la sensazione di solitudine che provavano gli antichi viaggiatori nabatei quando tornavano a casa dalle loro esplorazioni di nuovi mercati. L’essere così, virtualmente solo anche se in realtà non lo sei, fa si che le tue sensazioni si moltiplichino. La luna ed il cielo stellato, incredibilmente vicini a queste latitudini, portano un contributo non indifferente a questa esperienza, creando un gioco di luci ed ombre fra il chiaro-scuro delle montagne e la luce del cielo. Vedere poi il Tesoro apparire davanti a te, illuminato solo dalle candele sapientemente disposte davanti all’ingresso, e la musica che riempie improvvisamente l’aria intorno a te, ti lascia in uno stato di estasi silenziosa che ti fa capire fino in fondo perchè questa sia considerata una delle 7 meraviglie del mondo. Dopo la visita rientro in hotel e pernottamento.
Pasti : C/-/C

3° giorno : Petra classica
Giornata dedicata alla scoperta dell'affascinante città di Petra, meta principale del viaggio, eletta una delle nuove 7 meraviglie e dichiarata dall'UNESCO patrimonio dell'umanità. La sua riscoperta si deve al viaggiatore anglo-svizzero Johann Ludwig Burckhardt, che nel 1812 recandosi da Damasco al Cairo, sentì parlare di un'antica città stretta fra montagne impenetrabili e decise di andarla a cercare. Ma la sua notorietà venne rilanciata da Thomas Edward Lawrence meglio noto come il condottiero della rivoluzione araba Lawrence d'Arabia, il quale nei suoi libri scrisse… "Petra è il più bel luogo della terra. Non per le sue rovine […], ma per i colori delle sue rocce, tutte rosse e nere con strisce verdi e azzurre, quasi dei piccoli corrugamenti, […] e per le forme delle sue pietre e guglie, e per la sua fantastica gola, in cui scorre l'acqua sorgiva e che […] è larga appena quanto basta per far passare un cammello […]. Ne ho letto una serie infinita di descrizioni, ma queste non riescono assolutamente a darne un'idea […] e sono sicuro che nemmeno io sono capace di farlo. Quindi tu non saprai mai che cosa sia Petra in realtà, a meno che non ci venga di persona". Queste parole rimarcano l'effetto sconvolgente che il "capolavoro totale" di Petra esercita sul visitatore; la particolarità dell'antica città dei Nabatei e la sua bellezza incontrastata rendono ardua per chiunque una descrizione verosimile del luogo che, a partire dall'ingresso, offre al visitatore un'emozionante viaggio senza tempo. Petra è accessibile tramite il Siq, una gola di circa 1,2 km di lunghezza e larga alcuni metri, dove si potrà iniziare ad ammirare tutta l'abilità con la quale i Nabatei lavoravano questa particolare roccia a striature rosse e rosa. Dopo le prime tombe, canali per raccogliere l’acqua, santuari e statue, ecco apparire all’improvviso il famoso e misterioso El Khasneh (il Tesoro I secolo a.C), che si svela scolpito sulla parete verticale all’ingresso della città, con i suoi 28 metri di larghezza e 40 di altezza. Da qui il percorso si allarga e prende forma la Strada delle Facciate, dove sui due lati si trovano più di quaranta tombe e case costruite con uno stile che ricorda l'architettura assira. Sulla sinistra si trova poi il Teatro, costruito dai nabatei e dopo la conquista romana del 106, ampliato ad una capienza di 8.000 spettatori. Si apre poi un’ampia vallata con la Strada Colonnata che ospitava il centro vitale dell’antica città con il Mercato, il Palazzo Reale ed una serie di alte colonne appartenenti ad un Tempio Corinzio, il Tempio dei Leoni Alati, il Tribunale, le Tombe Reali ed infine, dopo aver attraversato la porta di Traiano si arriva nell’area sottostante dove sorge il Qasr al-Bint Firaun, che secondo una leggenda beduina apparteneva alla figlia del faraone. Visita alle Tombe Reali e successivamente arrivo nell'area del ristorante, sosta con possibile pranzo. Nel pomeriggio proseguimento per raggiungere il Monastero (El Deir), situato al di la delle montagne e raggiungibile attraverso una scalinata di circa 1000 gradini. E’ costruito con uno stile architettonico simile al famoso "Tesoro", ma vanta dimensioni più grandi, la porta principale è di 8 metri d'altezza mentre la facciata ha una larghezza di 50 metri per un'altezza di 45 metri. Venne costruito dai Nabatei tra il II ed il I secolo a.C. come tomba del re Obodas I, ma in seguito durante il periodo bizantino fu utilizzato come monastero, al suo interno infatti sono state ritrovate diverse croci scolpite. Al termine della visita rientro in hotel. Cena e pernottamento in hotel.
Pasti : C/-/C

4° giorno : Petra Segreta – Wadi Rum, Tramonto nel deserto
Colazione in hotel. Oggi ci spingiamo alla scoperta di una Petra Segreta, attraversando i sentieri utilizzati dai Nabatei, ma dimenticati nei percorsi turistici, che si inerpicano silenziosi tra le montagne per ammirare lo spettacolo che offre Petra dall’alto. Il percorso inizia dal Visitors Centre, l’ingresso principale del sito archeologico, si scende verso l’antica città percorrendo i sentieri che si inerpicano tra le montagne di arenaria situate alla sinistra del Siq. Si arriva quindi ad un punto panoramico che offre uno spettacolare scorcio sulla facciata di El Khasneh (il Tesoro) dall’alto, e dove potrete vedere gli altri visitatori camminare sotto di voi. Proseguimento per arrivare nella zona di El Medras, il cui nome in arabo significa frantoio, dove si trovano le rovine di un alto luogo sacrificale, dei frantoi e cisterne per l'acqua e dove sono state ritrovate iscrizioni che rivelano che l’area era già nota ai Nabatei con questo nome. Altri reperti archeologici testimoniano che veniva praticato o il culto di Dushara (Signore della montagna), principale divinità del Pantheon Nabateo protettrice della dinastia regale e adorata nelle città di Petra e Madain Saleh. Si poi cammina fino ad arrivare all'Altare del Sacrificio, e nella discesa verso Wadi Farasa si visitano la Sorgente del Leone, il Tempio del Giardino, la Tomba del Soldato Romano, il Triclinium, la Tomba dal Frontone Spezzato, la Tomba Rinascimentale e Al Habis. Arrivo nell'area del ristorante, sosta con possibile pranzo. Proseguimento per raggiungere il magico mondo del deserto del Wadi Rum, antico luogo di passaggio delle carovane cariche di merce preziosa, che dalla penisola arabica si spostavano verso nord per raggiungere i porti del Mediterraneo. La bellezza di questo deserto unico è caratterizzata da montagne segnate dal tempo, da letti di antichi laghi oramai prosciugati e da altissime dune di color rosso intenso. Numerose sono le incisioni e le pitture rupestri che si trovano scolpite nelle rocce nel Wadi Rum, chiamato anche Valle della Luna, ed è in questi luoghi che il ricercatore italiano professor Edoardo Borzatti ha ritrovato tracce del primo alfabeto mai comparso sulla Terra risalenti a circa 4.800 avanti Cristo, dunque almeno mille anni più vecchi del tamudico primitivo scoperto nelle zone comprese tra la penisola Araba e il Sahara. Sistemazione in un campo tendato fisso. Tempo libero per camminare nei dintorni e vedere il tramonto. Cena e pernottamento al campo. Se si sarà fortunati si potrà passare la serata sotto un cielo dipinto di stelle.
Pasti : C/-/C

5° giorno : Wadi Rum – Mar Morto
Dopo la colazione escursione della durata di 2 ore nel deserto del Wadi Rum. Durante l’esplorazione del Wadi Rum, con un percorso a bordo di veicoli dei beduini locali, si potranno ammirare la Montagna dei Sette Pilastri della Saggezza, la sorgente di Lawrence d’Arabia e il Canyon di Khazali, dove sulle pareti verticali si possono osservare numerosi graffiti rupestri che rappresentano antiche scene di vita quotidiana testimoni dell’importanza di questo luogo. Si prosegue verso le dune di sabbia rossa, dove sarà possibile effettuare una divertente scalata sulla sabbia, e poi con una sosta presso dei beduini locali, qui si potranno vedere gli accampamenti costituiti da tende nere in lana di capra mentre vi verrà offerto il tradizionale the nel deserto, ancora oggi considerato simbolo di tradizione e ospitalità per i giordani. Al termine incontro con il nostro autista e partenza con gli automezzi verso nord per raggiungere il Mar Morto. Pomeriggio a disposizione con la possibilità di fare il bagno nelle caratteristiche acque accedendo alla spiaggia direttamente dall'hotel. Il Mar Morto è un lago alimentato dal fiume Giordano, è un bacino unico al mondo lungo 75 chilometri e largo 15, situato a 400 metri sotto il livello del mare che rappresenta anche il punto più basso della superficie terrestre. Le sostanze minerali di cui è ricco non permettono che si sviluppi vita nelle sue acque, ma le stesse acque migliorano la vita grazie alle loro preziose proprietà curative dovute alla radiazione solare perfettamente filtrata, alle condizioni climatiche, all'atmosfera arricchita da ossigeno, alle sorgenti e ai trattamenti a base di sali e fanghi. Pernottamento e cena in hotel.
Pasti : C/-/C

6° giorno : Mar Morto - Gerusalemme Moderna – Betlemme - Gerusalemme
Dopo la colazione partenza per confine israeliano situato sul valico di Allenby. Incontro con la guida israeliana e dopo il disbrigo delle formalità doganali trasferimento a Gerusalemme. Lungo la strada che conduce dalla depressione del Mar Morto a Gerusalemme si passa nei pressi di Gerico l’antica città citata anche nella bibbia, che però non conserva molte testimonianze storiche e archeologiche da poter visitare, per dirigersi poi la Tomba di Mose, un sito di importanza religiosa per i musulmani dove si può visitare la moschea che custodisce i resti del profeta. Proseguimento del viaggio e arrivo alla città di Gerusalemme. Visita alla parte moderna della città con lo "Yad Vashem", il memoriale dell’olocausto che nel suo museo ospita numerosi reperti storici dell’ascesa al potere del Impero Nazista e le testimonianze del popolo ebraico (chiuso il sabato e durante le festività ebraiche). Continuazione della visita con la Menorah", il Candelabro a sei braccia situato nei pressi del palazzo della Knesset. Visita dell’interessante Museo Israeliano, dove al suo interno sono custoditi i famosi rotoli del Mar Morto, ritrovati da dei pastori nei pressi di Qumram. Nel pomeriggio proseguimento per Betlemme per la visita della Basilica della Natività, costruita nel luogo in cui, secondo la tradizione, avvenne la nascita di Gesù. È costituita dalla combinazione di due chiese e da una cripta, la Grotta della Natività, che si ritiene essere la grotta ed il luogo preciso in cui Gesù nacque. In questo luogo San Girolamo completò la Vulgata, la prima traduzione completa in lingua latina della Bibbia. In serata trasferimento a Gerusalemme e sistemazione in hotel, cena e pernottamento.
Pasti: C/-/C

7° giorno : Città Vecchia di Gerusalemme
Dopo la prima colazione è prevista un’intera giornata per la visita della città vecchia di Gerusalemme. Si inizia con una bella panoramica sulla città santa dall’alto del Monte degli Ulivi, scendendo poi lungo la via attraversata da Gesù durante la domenica delle Palme per visitare l’orto del Getsemani e la Tomba di Maria. Si arriva così alle mura della Città Vecchia. Visita del Muro del Pianto, il luogo più sacro all'Ebraismo che negli anni dal 1948 fino alla guerra dei 6 giorni nel 1967 era sotto il controllo arabo e non era permesso agli ebrei di accedervi. Proseguendo il cammino di arriva al Monte del tempio o Spianata delle Moschee, è possibile ammirare la Cupola della Roccia e la Moschea Al'Aqsa, la più grande moschea di Gerusalemme. In seguito passando per il Suq, il Mercato Arabo si arriva alla Via Dolorosa, una strada che, secondo la tradizione cristiana, ha percorso Gesù nel giorno della crocifissione. Lungo il percorso si trovano numerose chiese che corrispondono alle tradizionali stazioni della Via Crucis, l'ultima è la chiesa del Santo sepolcro dove fu crocifisso e seppellito Gesù. Successivamente, tempo permettendo, visita dei quartieri di Yemin Moshe e Mishkenot Sha’Ananim, i primi quartieri ad essere stati costruiti fuori dalle mura della città vecchia, o del colorato mercato di Mahane Yehuda. In serata rientro in hotel, cena e pernottamento.
Pasti: C/-/C

8° giorno : Gerusalemme – Tel Aviv - Volo - Italia
Dopo colazione trasferimento in aeroporto in tempo utile per l’imbarco sul volo di rientro in Italia. Arrivo all’aeroporto previsto e fine dei nostri servizi.
Pasti : C/-/-



Tariffe

Quota di partecipazione :

 

€ 2.470

€ 2.140

€ 1.910

€ 1.750

Valida fino al 31DIC2018

 

2 persone

3 persone

4 persone

5-7 persone

Cambio euro / dollaro usd

1,15

       

- I prezzi indicati si intendono per persona e si riferiscono a dei tour individuali con servizi ad uso esclusivo.
- Cambio : una variazione del +/- 3% del tasso di cambio potrebbe portare ad un ritocco delle quote.
- Si applicano le condizioni del contratto di viaggio che si trovano sul sito www.nbts.it.
- I prezzi di tasse e imposte non dipendono dalla nostra volontà e possono variare senza preavviso.

La quota include:
- Volo di linea Royal Jordanian/Alitalia/Turkish Airlines in classe economica, tasse aeroportuali escluse
- Visto d’ingresso Giordania e assistenza per l’ottenimento in aeroporto ad Amman
- Assistenza in aeroporto da personale qualificato parlante inglese (arrivo/partenza)
- Trasferimenti aeroporto/hotel/aeroporto
- Trasferimenti in auto/minibus privato con A/C
- Sistemazione negli hotel indicati in camera doppia
- Trattamento di mezza pensione
- Guida parlante italiano durante il tour
- Ingressi ai siti e musei come da programma
- Visita di Petra by night
- Entrata a cavallo fino al Siq a Petra
- Escursione in fuoristrada nel Wadi Rum (circa 2 ore) con autista locale

La quota non include:
- Tasse aeroportuali, circa 290 euro (quota da confermare in fase di prenotazione)
- Tasse di uscita Giordania, 8 JD (da pagare in loco)
- Navetta tra Giordania e Israele alla frontiera di Allenby, 10.0$ a persona (da pagare in loco)
- Bevande
- Mance
- Extra personali
- Quota gestione pratica (include assicurazione medico bagaglio annullamento)
- Quanto non indicato alla voce “la quota include”

Supplementi:
- Eventuale supplemento dovuto alla reale disponibilità del volo di linea, da comunicare
- Camera singola, su richiesta
- Supplemento Festività Israele, da comunicare
- Eventuale supplemento dal 1SET al 31DIC, da comunicare

Sistemazioni alberghiere

Cat.     Hotel previsti o similari                     Località           Notti

4*        Gran Palace Hotel / Gerasa Hotel           Amman             1
4*        Hotel Petra Moon                                  Petra                2
-*         Sun City Camp                                      Wadi Rum         1
5*        Hotel Holiday Inn                                  Mar Morto         1
4*        Dan Boutique Hotel                                Gerusalemme    2
  

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Nbts.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata. Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso dei cookie.