Tour: Ouidah Voodoo Festival 2018

Tipologia : un viaggio culturale nei luoghi più remoti di Ghana, Togo e Benin con la partecipazione al festival voodoo di Ouidah alla scoperta di un mondo tribale ancora oggi guidato dagli spiriti degli antenati.
Durata : 15 gg / 13 notti
Partenza : 7 gennaio 2018

Codice : GHTC1506
Partenze individuali : disponibili su richiesta, minimo 2 persone.
Partenza di gruppo : 7 gennaio 2018.
Stagionalità : Effettuabile tutto l’anno. Il periodo più indicato va da fine ottobre ad aprile.

 

 

 

I punti forti del viaggio
- L’incantevole Ganvié, villaggio interamente costruito su palafitte
- I canti e le danze dei sacerdoti e degli adepti al festival del vudù di Ouidah
- La misteriosa Togoville ed il mercato dei feticci di Lomé
- Le testimonianze della tratta negriera a Elmina e Cape Coast
- Kumasi, capitale del potente regno Ashanti, e la sorprendente festa Akwasidae
- I villaggi di fango dei Gourounsi ed i feticci delle Tongo Hills
- La magica cerimonia del fuoco dei Tem a Sokodé
- Il Pays Tamberma, Somba e Taneka, dove l’animismo e i culti ancestrali sono ancora vivi
- Le evoluzioni dello spirito Zangbeto e degli Egungun

1° giorno, domenica 7 gennaio : Italia – Volo – Cotonou
Partenza dall’Italia con volo di linea. Arrivo all’Aeroporto Internazionale Cardinal Bernardin Gantin-Cadjehoun di Cotonou, dopo il disbrigo delle formalità doganali incontro con il nostro assistente e trasferimento in hotel. Cena libera e pernottamento in camera doppia con servizi.
Pasti: -/-/-

2° giorno, lunedì 8 gennaio : Cotonou – Ganvié – Possotomé
Dopo la colazione assistenza per il cambio degli euro e per l’eventuale acquisto di una scheda telefonica locale. Partenza per Calavi, dove effettueremo un’escursione in barca al villaggio lacustre di Ganvie, dove i Tofinu vivono in capanne di bambù costruite su palafitte e si sostentano esclusivamente con la pesca artigianale. Nella via del rientro potremo incontrare il viavai di piroghe contenenti merci e persone che fanno la spola tra la terraferma ed i villaggi “galleggianti”. Trasferimento a Possotome’ e sistemazione al Village Club Ahémé o similare. Pranzo Chez Prefet, dove assaporeremo le specialità locali come il dakouin, un impasto di farina di manioca e pesce cotto nell’olio rosso di palma ed accompagnato da sodabe, un forte distillato tipico della costa del Benin. Nel pomeriggio passeggiata sulle rive del Lago Aheme’, attraversando villaggi tradizionali come Okomé e Sehomi, dove potremo ammirare i templi vudù, la foresta sacra, il lavoro degli artigiani ed il mercato dove le donne si ritrovano verso sera per effettuare degli acquisti utilizzando l’antica forma del baratto. Cena libera e pernottamento in camera doppia con servizi.
Pasti: C/P/-

3° giorno, martedì 9 gennaio : Possotomé - Bouche du Roi - Grand Popo
Dopo la colazione partenza in direzione di Grand Popo, per un’escursione in barca a motore alla Bouche du Roi, dove il fiume Mono incontra l’oceano, alla scoperta della natura incontaminata e del tipico habitat della mangrovia, visitando alcuni villaggi tradizionali. Pranzo picnic a base di pesce e crostacei (se disponibili). Nel pomeriggio potremo assistere ad una cerimonia con il “guardiano della notte”, lo spirito Zangbeto. Sistemazione in hotel situato direttamente sulla spiaggia, cena libera e pernottamento in camera doppia con servizi.
Pasti: C/P/-

4° giorno, mercoledì 10 gennaio : Grand Popo - Ouidah (Festival) - Grand Popo
Dopo la colazione trasferimento a Ouidah e giornata interamente dedicata alla partecipazione alle manifestazioni del Festival del Vudu’ ed alle visite della città. Nato in Africa dell’Ovest, questo culto é stato esportato verso Haiti, Cuba ed il Brasile dagli schiavi imbarcati verso le Americhe dal porto di Ouidah, al tempo del potente regno di Dahomey. Il vudù non é solo il triste stereotipo hollywoodiano della «bambolina infilzata di spilli» ma, secondo la concezione originaria, esso simbolizza e sintetizza dei valori tipicamente africani come il rispetto della natura e della vita, il senso profondo della comunità e delle forze trascendentali, la convivialità, l’amore, la simbiosi tra le energie cosmiche, le gerarchie sociopolitiche della società e dell’individuo. Vedremo i preti, i dignitari e gli adepti, spesso in trance, di fronte alle divinità quali Ogou, il dio del ferro, Sakpata, il dio della terra, Khèvioso, il dio dei fulmini. Ripercorreremo la route des esclaves, percorso che conduceva gli schiavi al porto dove sarebbero stati imbarcati per le Americhe attraverso la “porta di non ritorno”. Visiteremo il tempio dei pitoni, dove potremo apprendere le credenze di questo culto, e la foresta sacra, luogo disseminato di divinità vudù. Pranzo in un ristorante. Nel tardo pomeriggio rientro a Grand Popo, cena libera e pernottamento in hotel.
Pasti: C/P/-

5° giorno, giovedì 11 gennaio : Grand Popo – Togoville – Lomé
Dopo la colazione partenza in direzione della frontiera con il Togo, disbrigo delle formalità e proseguimento ad Agbodrafo per l’escursione in piroga sul lago Togo per raggiungere Togoville, piccolo villaggio che nasconde innumerevoli feticci. Visita di alcuni templi e della maestosa cattedrale, eretta per ricordare l’apparizione della Madonna sul Lago, motivo della visita di Papa Giovanni II, ed incontro con una feticheuse, una pretessa vudù. Pranzo in ristorante e proseguimento a Lome’ dove visiteremo il Grand Marché, famoso per le corpose venditrici di tessuti pagnes e per l’artigianato, e l’incredibile mercato dei feticci, dove vengono vendute ossa e pelli di ogni sorta di animale e statuette conficcate di chiodi. Sistemazione in hotel, direttamente sulla spiaggia, cena libera e pernottamento in camera doppia con servizi.
Pasti: C/P/-

6° giorno, venerdì 12 gennaio : Lomé – Elmina – Anomabu
Di primo mattino, dopo la colazione, passaggio della frontiera con il Ghana, disbrigo delle formalità e proseguimento lungo la costa. Pranzo in un ristorante e visita di Elmina: il St. George’s Castle (patrimonio UNESCO, il forte St. Jago (esterno), il porto di Mpoben, col suo viavai di piroghe, i posuban delle compagnie guerriere, ed il mercato del pesce, dove potremmo assistere al rientro dei pescherecci ed all’incredibile brulicare di attività che lo animano. Sistemazione in hotel situato direttamente sulla spiaggia, cena libera e pernottamento in camera doppia con servizi.
Pasti: C/P/-

7° giorno, sabato 13 gennaio : Anomabu - Cape Coast – Kumasi
Dopo la colazione trasferimento a Cape Coast e visita del castello, che ci farà immergere nella triste storia della tratta negriera, e delle “bare fantasy”, bizzarri sarcofagi dalle forme disparate (bottiglie di Coca-Cola, animali). Partenza per Kumasi, pranzo in un ristorante. Nel primo pomeriggio ci addentreremo nel Kejetia Market, il mercato più grande dell’Africa dell’Ovest, dove ci perderemo tra i suoi mille odori e colori, tra le corpose venditrici di igname ed i fabbri che reciclano lamiere. A seguire assisteremo ad un Funerale Ashanti, un’occasione unica per comprendere la cultura tradizionale del popolo Akan: vestiti con grandi tuniche nere e rosse, amici e parenti si incontrano per un ultimo omaggio al defunto per accompagnarlo nel mondo degli antenati in un turbinio di percussioni e danze sfrenate. Sistemazione in hotel, cena libera e a seguire possibilità di assistere ad una Cerimonia Vudu’ al Black and White shrine, dove il prete, in trance, viene posseduto da differenti spiriti che si manifestano al ritmo dei tamburi e acclamati dalla folla per le loro proprietà taumaturgiche. Pernottamento in camera doppia con servizi.
Pasti: C/P/-

8° giorno, domenica 14 gennaio : Kumasi (Akwasidae)
Colazione all’hotel e partecipazione all’ Akwasidae, festa tradizionale in cui il re degli Ashanti riceve gli ospiti, vestiti rigorosamente con tuniche bianche e nere, che gli portano in dono bottiglie di schnapps, montoni, polli ed oggetti tecnologici. Tutta la cerimonia è accompagnata da suoni e danze che si mescolano e sovrappongono senza sosta, in un mix unico di tradizione e modernità tutta ghaniana. Pranzo con lunch box (sandwich e frutta). Nel pomeriggio visiteremo alcuni musei, che ci permetteranno di conoscere meglio le origini e le tradizioni di questo popolo, ed il mercato artigianale. Cena libera e pernottamento in hotel.
Pasti: C/P/-

9° giorno, lunedì 15 gennaio : Kumasi – Techiman – Kintampo – Tamale
Colazione e trasferimento verso nord, con soste a Techiman, per la visita del suo variopinto mercato ortofrutticolo e per il pranzo, e alla Cascata di Kintampo, dove sarà possibile rinfrescarsi. Sistemazione in hotel, cena libera e pernottamento in camera doppia con servizi.
Pasti: C/P/-

10° giorno, martedì 16 gennaio : Tamale – Sirigou – Bolgatanga – Tamale
Colazione e partenza per il Villaggio Gourunsi di Sirigu, caratteristico per le case splendidamente decorate con motivi geometrici neri, rossi e bianchi. Qui visiteremo altresì l’Associazione femminile Swopa che valorizza la produzione di ceramica, pittura su tela e intreccio di cesti delle donne del villaggio. Trasferimento a Bolgatanga, pranzo in un ristorante. A seguire prenderemo una pista per le Tongo Hills ed il villaggio Talensi di Tengzung, dove potremo visitare I santuari sacri ed incontrare i sacerdoti animisti, custodi della tradizione ancestrale. Qui, per poter visitare la caverna dove viene custodito un potentissimo feticcio che richiama fedeli da tutto il Ghana e anche da altri paesi dell’Africa dell’Ovest, dovremo scoprire il torace e salire a piedi nudi, prima di incontrare il “prete” vestito tradizionalmente con una pelle di leopardo. Rientro a Tamale, cena libera e pernottamento in camera doppia con servizi.
Pasti: C/P/-

11° giorno, mercoledi 17 gennaio : Tamale – Yendi – Sokodé
Di primo mattino, dopo la colazione, partenza verso la frontiera con il Togo, con soste al palazzo reale di YENDI (incontro con lo Ya-Na se disponibile) e ai cosiddetti “Villaggi delle Streghe”, ovvero degli agglomerati dove si sono radunate delle donne cacciate dai loro villaggi originari perché accusate di stregoneria. Pranzo con lunch box (sandwich e frutta). Arrivo a Sokodé, sistemazione in hotel. Cena libera. Nella notte ci trasferiremo in un piccolo villaggio Tem per assistere alla Danza del Fuoco, durante la quale gli uomini in trance, seguendo il ritmo dei djembé, si cospargono il corpo di braci senza riportare alcuna ustione. Pernottamento in hotel in camera doppia con servizi.
Pasti: C/P/-

12° giorno, giovedi 18 gennaio : Sokodé - Tamberma e Somba – Natitingou
Colazione e inizio della nostra esplorazione del Pays Tamberma e del Pays Somba, due etnie che vivono in costruzioni fortificate di paglia e fango (dette tata) disseminate nei campi di manioca. Attraverseremo i minuscoli villaggi tradizionali ed entreremo in contatto con i riti della religione animista, quanto mai sentita e viva. Passata la frontiera con il Benin prenderemo una pista sterrata adornata da imponenti baobab, assaggeremo la birra di sorgo, entreremo nelle tata per capirne la complessa architettura, e saliremo al punto panoramico, per una vista sui Monti dell’Atakora. Pranzo con lunch box. Proseguimento a Natitingou, cena libera e pernottamento in hotel in camera doppia con servizi.
Pasti: C/P/-

13° giorno, venerdì 19 gennaio : Natitingou - Pays Taneka – Abomey
Colazione e partenza per le colline dei Villaggi Taneka, dove andremo alla scoperta dei quattro quartieri di Taneka Beri, governati ognuno dal proprio re e dai suoi notabili, vecchi saggi vestiti secondo la tradizione, con un perizoma di cuoio ed una lunga pipa per fumare il tabacco. Pranzo in ristorante a Djougou. Proseguimento in direzione sud verso Abomey, trasferimento che ci darà la possibilità di ammirare la varietà paesaggistica del Benin: i campi di manioca, igname e miglio, tipici del nord lasceranno progressivamente spazio alle piantagioni di cacao, caffè, banano e ananas. Lungo il tragitto visiteremo la divinità vudù Dankoli a Savalou, il cui altare è uno dei più frequentati del Benin ed é facile assistere a dei sacrifici di polli e capre. Sistemazione all’Hotel Guedevy 1 o similare, cena libera e pernottamento in bungalow doppio con servizi.
Pasti: C/P/-

14° giorno, sabato 20 gennaio : Abomey – Cotonou
Dopo la colazione visita di Abomey, con i suoi famosi palazzi reali dichiarati patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO nel 1985. Il complesso, che occupa all’incirca 44 ettari, è un luogo ricco di storia e di cultura che ci permetterà di conoscere meglio l’antico e sanguinario regno di Dah omey. Pranzo in un ristorante. Nel pomeriggio possibilità di assistere alle Cerimonie con gli Egungun, gli spiriti degli antenati. Proseguimento a Cotonou, camere in day use su richiesta. Trasferimento in aeroporto e fine dei servizi.
Pasti: C/P/-

15° giorno, domenica 21 gennaio : Cotonou – Volo – Italia
Arrivo in Italia all’aeroporto di destinazione previsto in giornata.
Pasti: -/-/-

 

 

Tariffe

Quota di partecipazione :

 

€ 2.590

Valida fino al 31GEM2018

 

6/+ persone

- I prezzi indicati si intendono per persona e si riferiscono a dei tour di gruppo.
- Si applicano le condizioni del contratto di viaggio che si trovano sul sito www.nbts.it.
- I prezzi di tasse e imposte non dipendono dalla nostra volontà e possono variare senza preavviso.

La quota include:
- Volo di linea Royal Air Maroc/Air France in classe economica, tasse aeroportuali escluse
- Accompagnatore italiano
- Guide locali parlanti francese/inglese ove necessario
- Visite ed escursioni come da programma
- La partecipazione al festival vudù, al funerale Ashanti e all’Akwasidae
- Tutti i trasferimenti in vettura privata inclusi autista, carburante e pedaggi
- I pasti in mezza pensione come menzionati nel programma
- 13 pernottamenti in camera doppia come menzionati nel programma

La quota non include:
- Tasse aeroportuali, circa 280 euro (quota da confermare in fase di prenotazione)
- Spese di ottenimento dei visti Ghana Togo e Benin, circa 280 euro
- Visti Ghana Togo, visto a due entrate
- Le bevande e l’acqua minerale
- I pasti non a programma
- Le tasse fotografiche
- La mancia per lo Ya-Na di Yendi
- Le mance e spese di carattere personale
- Tutto quello citato in “Supplementi”
- Quota gestione pratica (include assicurazione medico bagaglio annullamento)
- Quanto non indicato alla voce "la quota include"

Supplementi:
- Eventuale supplemento dovuto alla reale disponibilità del volo di linea, da comunicare
- Sistemazione in camera singola,
- Camera singola, da comunicare
- Cerimonia Zangbeto a Grand Popo: 50 € da pagare in loco
- Cerimonia vudù a Kumasi: 50 € da pagare in loco
- Cerimonia del fuoco a Sokodé: 50 € da pagare in loco
 -Cerimonia Egungun a Abomey: 50 € da pagare in loco
- Day use a Cotonou, su richiesta
- Giornata extra Cotonou-Porto Novo, su richiesta

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Nbts.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata. Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso dei cookie.