Tour: Ghana, la rotta degli schiavi

Tipologia : viaggio nell’Africa Occidentale in Ghana alla scoperta di villaggi animisti e antiche tradizioni.
Durata : 13 gg / 11 notti
Partenze : 20 luglio, 31 agosto, 12 ottobre, 23 novembre

Codice : GHTC1304
Partenze individuali : tutti i giorni, minimo 2 persone.
Partenze di gruppo : 2 febbraio, 16 marzo, 8 giugno, 20 luglio, 31 agosto, 12 ottobre, 23 novembre. Gruppi formati da 2 a 16 partecipanti.
Stagionalità : Effettuabile tutto l’anno. Il periodo più indicato va da fine ottobre ad aprile.

 

 

 

 

Introduzione : Un viaggio che ci porterà nel cuore dell’Africa Occidentale e che ci farà incontrare il Ghana, un Paese ancora oggi incredibilmente ricco di tradizioni. Un viaggio per chi ama l’Africa senza tempo, i mercati che profumano di spezie e l’esplosione dei colori. Per coloro che rimangono affascinati dal ritmo frenetico delle musiche e dai movimenti a volte così delicati eseguiti dai danzatori. Per coloro che rimangono stupiti dall’abbondanza di oro che viene esibita durante le celebrazioni Ashanti. E per coloro che non finiranno di stupirsi visitando i castelli della tratta, le dimore fortificate dei Gurunsi e le donne definite streghe e tanto altro ancora. Dodici giorni di avventura nello spirito delle spedizioni! Ogni partenza include il Festival dell’Akwasidae.

1° giorno : Italia – Volo - Accra
Partenza dall’Italia con volo di linea. Arrivo all’aeroporto di Accra (Ghana), dopo il disbrigo delle formalità doganali incontro con il nostro assistente e trasferimento in hotel. Tempo libero per un po' di riposo. Cena libera e pernottamento.
Pasti: -/-/-

2° giorno : Africani Metropoli, da Accra a Sogakope (120 km – 3 h)
Interessante città africana, in rapida evoluzione, Accra ha saputo conservare un’identità, che si riflette sia nei quartieri moderni, sia in quelli vecchi, dove si moltiplicano le attività tradizionali. I verdeggianti quartieri amministrativi, composti da eleganti ville della prima metà del Novecento, ci ricordano che questa fu la più prosperosa delle colonie britanniche d’ Africa. Entreremo in città attraverso il quartiere dove abitano i fabbricanti di sarcofagi, dalle forme fantasy. Con estro escono dalle loro mani bare a forma di frutti, pesci, aerei e animali. Questi prodotti potrebbero far bella figura in qualsiasi centro d’arte moderna. Particolarmente interessante il Museo Nazionale, realizzato per comparare l’arte tradizionale del Ghana con quella dell’intero continente africano e per lo sviluppo della produzione artistica moderna. Di fronte all’oceano si organizza la vita del quartiere indigeno: James Town, la zona di Ogro Road, Wato e mercato del pesce. Un villaggio circondato da una città! Qui le attività economiche seguono criteri ben diversi da quelli che governano la city, distante solamente qualche centinaio di metri. Ci spostiamo nella regione del Volta per assistere ad una cerimonia vudù. Il vudù è la religione tramandata dagli antenati ed è praticata con fervore. Quest’esperienza religiosa è molto più ricca e complessa dei clichè diffusi in Europa, secondo i quali il vudù non sarebbe altro che una bassa forma di magia nera. Si tratta invece di una religione che dà senso e ordine alla vita di milioni di persone, qui e altrove nel mondo. Ci spostiamo in brousse alla scoperta di questo culto e sarà in un villaggio che assisteremo ad una celebrazione. Durante la cerimonia può succedere che tra suoni di tamtam e canti tradizionali, lo spirito Vudù s’impossessi di alcuni adepti, dando luogo ad autentiche manifestazioni di trance.
Pasti : C/P/C

3° giorno : Le Cascate, da Sogakope a Wli (180 km – 4 h)
Il Tafi Atome Monkey Sanctuary è stato creato nel 1993 per proteggere la comunità di scimmie sacre che vive nella limitrofa foresta. Le scimmie, nella tradizione del villaggio, sono considerate le porta-parole delle tartarughe. Entrambe, scimmie e tartarughe, sono considerate sacre dalla popolazione, che conserva questa tradizione da almeno 200 anni. Una piacevole passeggiata ci porterà alla scoperta di questa simpatica comunità! Le cascate di Wli sono le più imponenti della regione: le acque si lanciano da un’altezza di 60-80 metri. Siamo alla frontiera tra Ghana e Togo. Un sentiero piano di 45 minuti ci conduce alle cascate attraverso la foresta, dove sono state identificate 200 specie di uccelli e 400 di farfalle.
Pasti : C/P/C

4° giorno : Savana, da Wli a Nkwanta (150 km – 4 h)
Regione del Volta: dalla foresta tropicale alla savana. Dalla foresta ci spostiamo verso le savane del nord. Visiteremo piantagioni di caffè e cacao circondate dalla lussureggiante vegetazione e da piccoli villaggi i cui abitanti sono sempre felici di incontrare i rari visitatori.
Pasti : C/P/C

5° giorno : Streghe, da Nkwanta a Yendi (180 km – 4 h)
Visita di villaggi Dagomba. Questa popolazione rappresenta un ottavo dell’intera popolazione ghanese. I loro villaggi si caratterizzano per un numero importante di case rotonde, con tetto in paglia. Gli abitanti, dediti all’agricoltura, si sono stabiliti da tempo su questi territori, condividendoli con altri gruppi, tra i cui i Konkomba. Stop in un villaggio Konkomba, popolato da streghe. In un quadro di architettura tradizionale saremo accolti cordialmente da donne sulle quali pesa l’accusa di stregoneria. Considerate responsabili di fatti gravi quali la morte di un giovane, una malattia improvvisa o un raccolto mal riuscito, queste donne vengono esiliate in appositi villaggi, dove la presenza di un feticcio speciale è in grado di “controllarle”. La loro accoglienza gentile e sorridente fa da contrasto con le storie gravi che giustificano il loro esilio. Un’architettura tradizionale semplice, riadattata alle esigenze di una comunità speciale fa da quadro ad un villaggio esteso e pulito.
Pasti : C/P/C

6° giorno : Oracoli, da Yendi a Bolgatanga (230 km – 5 h)
Una breve escursione a piedi ci porterà sull'altopiano di Tongo. In questo luogo suggestivo s’innalzano numerosi pinnacoli composti da enormi pietre sovrapposte con sorprendente regolarità: le popolazioni locali li considerano parte di antiche dimore degli dei. Una profonda crepa, nella parte più alta della montagna, costituisce la grotta dell'oracolo. Vi si accede solo se accompagnati dai sacerdoti che vi penetrano per compiere riti e sacrifici. Questa montagna è popolata dai Talensi, che vivono riuniti in clan. La tipica abitazione fortificata, nella quale convivono anche una sessantina di persone, è costruita in argilla e dà l'impressione di un labirinto al quale si accede da una sola porta di ingresso. Piccoli vicoli, scalette, corridoi coperti, stanze a forma d’uovo e terrazze formano un insieme armonico di suggestiva bellezza.
Pasti : C/P/C

7° giorno : Affreschi Africani, da Bolgatanga a Wa (320 km – 6 h)
Al mattino visita delle case dei Gurunsi, la popolazione che costruisce ed affresca grandi dimore fortificate. Presso i Gurunsi i ruoli nella costruzione sono divisi in base al sesso di appartenenza. Gli uomini si occupano della costruzione degli edifici. Questi sono realizzati sovrapponendo strati di argilla, supportata da pilastri ed arcate in legno. Le donne si occupano della finitura: l’impermeabilizzazione dei muri e terrazze con sterco di zebù e la realizzazione di grandi affreschi, impiegando pigmenti naturali rosso, bianco e nero, sullo sfondo ocra dei muri d’argilla. I disegni geometrici di questi affreschi completano e si fondono con le linee arrotondate e rettangolari delle forme plastiche degli edifici. Ottimo esempio di architettura sculturale che tanto influenzò Le Corbusier. Trasferimento lungo sconfinate savane ed arrivo a Wa. Wa, le cui origini risalgono al XVII secolo, è posizionata all’incrocio di numerose strade che rappresentavano ieri ed oggi, importanti vie di comunicazione. Il Palazzo Reale conserva le tracce di un’architettura sudanese proveniente dal Sahel seguendo i passi dei mercanti, dei marabut e dei griots. Incontro con il re di Wa (Wana) e la sua corte, se disponibile.
Pasti : C/P/C

8° giorno : Villaggi fortificati, Wa
Nelle vicinanze di Wa vivono i Lobi, le cui dimore appaiono come piccole fortezze in argilla. Protette da un muro elevato senza aperture, sono composte da un granaio rettangolare intorno al quale si dispone la stalla e le camere. Penetrando in queste abitazioni, si è colpiti dalle varie gradazioni di luminosità: prevale la penombra, squarciata ogni tanto da fasci di luce che rendono l’ambiente surreale. Nella società Lobi, il capo famiglia è la sola autorità. Responsabile di tutti e di tutto davanti al consiglio degli anziani o al governo, è incaricato degli altari sacrificali e dell’organizzazione del lavoro dei campi. I Lobi sono anche abili artisti. Le loro statuette, utilizzate quale protezione spirituale, occupano una posizione di prestigio in numerose collezioni di arte africana. Altro campo in cui i Lobi eccellono è la musica e non è raro trovare tra di loro ottimi suonatori di balafon.
Pasti : C/P/C

9° giorno : Moschee in fango, da Wa a Techiman (330 km – 6 h)
Iniziamo la nostra discesa verso sud attraverso un paesaggio che lascerà progressivamente i colori della savana per indossare quelli della foresta. La pista segue le impronte dell’antica strada delle carovane che collegava i più importanti centri commerciali dei reami del Sudan, come Djennè e Timbuctu, alla regione di Kumasi, grande produttrice d’oro e della famosa noce di cola. La presenza di moschee di stile sudanese testimonia gli antichi e fiorenti commerci che esistevano tra i popoli della savana e i popoli della foresta.
Pasti : C/P/C

10° giorno : Ashanti, da Techiman a Kumasi (130 km – 2 h)
Arrivo a Kumasi, capitale storica e spirituale dell’antico Regno Ashanti, intorno all’ora di pranzo. Il popolo Ashanti fu uno dei regni più potenti dell’Africa fino alla fine del XIX secolo, quando gli Inglesi decisero di annetterla alla loro colonia chiamata Gold Coast. Gli onori ancora oggi resi all’Asantehene (il Re) testimoniano del passato splendore e della potenza Ashanti. Oggi Kumasi, con circa 1 milione di abitanti, è una spumeggiante città con un fantastico mercato centrale, uno dei più grandi d’Africa. Ogni tipo di manufatto Ashanti (pelletteria, ceramiche, tessuti kente & adinkra) si trova qui, insieme a quasi tutti i tipi di frutta tropicale e verdura. In agenda avremo una visita al centro culturale Ashanti che possiede una ricca collezione di manufatti collocati all’interno della riproduzione di una casa Ashanti. Nel pomeriggio, se in svolgimento, potremo assistere ad un tradizionale funerale Ashanti, durante il quale i partecipanti in segno di lutto indossano incantevoli toghe rosse o nere. Si tratta di un funerale a tutti gli effetti ma dall’atmosfera molto gioiosa. Il deceduto è considerato ancora presente e parte della famiglia. Amici e parenti insieme socializzano e onorano la sua memoria. I capi, all’ombra di grandi parasoli colorati, partecipano a queste celebrazioni circondati da tutta la corte, dai ritmi dei tamburi e dai ballerini che danzano con movenze ricche di gestualità e simbolismo.
Pasti : C/P/C

11° giorno : Il Regno dell’Oro, da Kumasi a Anomabu (230 km – 5 h)
La domenica mattina Kumasi si risveglia lentamente. Le sue vie, non troppo trafficate, si concedono allora allo sguardo del viaggiatore, curioso di cogliere da vicino qualche dettaglio che rende la città speciale: le costruzioni coloniali intorno al mercato, le insegne pubblicitarie dipinte a mano con uno stile originale che qualcuno non esita ad accostare all’urban art, il treno che attraversa il mercato e che a volte vi si ferma nel mezzo, i fedeli che si recano alla Chiesa indossando l’abito della domenica. La visita della città sarà riempita dall’attenzione dedicata a questi dettagli e ad altri ancora. Il Museo del Palazzo Reale ci aprirà le porte, con la sua collezione unica d’oggettistica ashanti.
Festival dell’Akwasidae. Nel calendario Ashanti, ogni anno alcuni giorni vengono riservati ad una particolare  celebrazione presso il Palazzo Reale. Durante la cerimonia il re siede sotto un grande e variopinto ombrello, indossa tessuti vivaci oltre ad antichi gioielli d’oro massiccio (i gioielli e le maschere in oro Ashanti fanno parte dei capolavori dell’arte africana). Davanti al monarca si apre uno stretto corridoio formato da portatori di spade e custodi dei coltelli rituali, guardiani armati di fucili ad avancarica, dignitari con ventagli di piume di struzzo. Ai lati del re siedono gli anziani e i consiglieri sotto l’autorità del porta-parola, il linguista regale, che tiene in mano i simboli del potere ricoperti d’oro. Mentre i cortigiani offrono i propri doni, i griot (cantastorie) recitano la storia dinastica dei re Ashanti. Suonatori di tamburi e di trombe d’avorio scandiscono il ritmo della celebrazione. Danzatrici corpulente, avvolte in tessuti rosso sgargiante, eseguono danze tradizionali caratterizzate da un’alternanza di movimenti delicati e di spostamenti rapidi da una parte all’altra della scena. La regina madre si unisce alla festa accompagnata dalla sua corte, tutta composta da donne. Questa cerimonia tradizionale si svolge in uno degli ultimi regni africani ad aver conservato gli antichi rituali. Vivremo l’atmosfera, il sapore, lo splendore dei grandi monarchi delle foreste.
Nel pomeriggio trasferimento verso la costa.
Pasti : C/P/C

12° giorno : Castelli della tratta, da Anomabu a Accra (170 km – 3 h) - Volo
Castello di Elmina, il più antico in Africa. I portoghesi lo costruirono nel XV secolo. In passato fu usato in momenti diversi come base per il commercio dell’oro, dell’avorio e purtroppo anche per la tratta degli schiavi. Al di fuori delle mura, si estende un meraviglioso villaggio di pescatori con il porticciolo sempre pieno di grandi e colorate piroghe. Ogni giorno, pilotate da esperti pescatori che in questo modo ricavano la loro fonte di sostentamento, le piroghe affrontano il duro oceano. I vicoli della vecchia città sono immersi in un’atmosfera vivace che ci  riporta al tempo in cui Elmina era una vivace cittadina coloniale. Nella città vecchia rivolgeremo la nostra attenzione ai Posuban, santuari delle società Asafo, dove i guerrieri ancora oggi usano fare offerte alle grandi statue colorate. Trasferimento ad Accra, qualche camera in day-use disponibile fino alle 18h00. Ultimo trasferimento verso l’aeroporto.
Pasti : C/P/-

13° giorno : Italia
Arrivo in Italia all’aeroporto di destinazione previsto in giornata.
Pasti: -/-/-

 

 

Tariffe

Quota di partecipazione :

 

€ 2.995

€ 2.795

Valida fino al 31DIC2017

 

2/5 persone

6/+ persone

- I prezzi indicati si intendono per persona e si riferiscono a dei tour di gruppo a partecipazione internazionale.
- Si applicano le condizioni del contratto di viaggio che si trovano sul sito www.nbts.it.
- I prezzi di tasse e imposte non dipendono dalla nostra volontà e possono variare senza preavviso.

La quota include:
- Volo di linea Royal Air Maroc/Air France in classe economica, tasse aeroportuali escluse
- Assistenza all’aeroporto di Accra (arrivo/partenza)
- Trasferimenti in minibus e vetture 4x4 a seconda del tragitto
- Guida professionista parlante Inglese, Francese, Tedesco, Italiano e Spagnolo
- Sistemazione negli hotel indicati, in camera doppia
- Pensione completa dalla colazione del 2° giorno al pranzo del 12° giorno
- Acqua minerale durante i trasferimenti
- Visite ed escursioni come da programma
- Entrate nei musei e nei parchi

La quota non include:
- Tasse aeroportuali, circa 280 euro (quota da confermare in fase di prenotazione)
- Spese di ottenimento dei visto Ghana ad entrata singola, da comunicare
- Acqua minerale ai pasti e tutte le bevande
- Pasti non indicati (cene dei giorni 1 e 12)
- Facchinaggio
- Mance per autisti, guide e staff degli hotel
- Spese di carattere personale per foto e video
- Quota gestione pratica (include assicurazione medico bagaglio annullamento)
- Quanto non indicato alla voce "la quota include"

Supplementi:
- Eventuale supplemento dovuto alla reale disponibilità del volo di linea, da comunicare
- Sistemazione in camera singola, 465 euro
- Volo di avvicinamento da altri aeroporti, su richiesta

Sistemazioni alberghiere

Cat.     Hotel previsti o similari         Località           Notti

3*        Hotel Novotel                        Accra              1 + 1 day use
2*        Hotel Cisneros Villa                Sogakope        1
-*         Wli Water Highs Hotel            Wli                  1
-*         Gateway Hotel                      Nkwanta           1
-*         Kamil Legacy Hotel                Yendi               1
-*         Crystal Hotel                         Bolgatanga       1
-*         Upland Hotel                         Wa                  2
1*        Encom Hotel                          Techiman         1
2*        Hotel Miklin                            Kumasi           1
3*        Anomabu Beach Resort            Anomabu         1

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Nbts.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata. Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso dei cookie.